L’Antico Teatro romano di Neapolis all’Anticaglia: Scoprire Napoli

Teatro-romano-di-Neapolis-3.jpg

L’antico Teatro romano di Neapolis si trova nel centro storico di Napoli sul decumano Superiore a via San Paolo, un teatro enorme da 5.000 persone in cui vi recitò anche l’imperatore Nerone che amava la città di Neapolis all’epoca città custode della cultura ellenica

 

 

Tra le tante meraviglie del centro storico di Napoli esiste l’antico Teatro romano di Neapolis che si trova attualmente inserito in una ampia zona, coperta da palazzi, compresa fra le attuali via Anticaglia, via S. Paolo ai Tribunali e vico Giganti nel decumano superiore di Napoli.

Un teatro molto grande e all’aperto che ai tempi del suo massimo splendore occupava la parte settentrionale del foro, la principale area pubblica cittadina.

Da anni è in corso un progetto di scavo e valorizzazione del teatro, curato dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei e dal Comune di Napoli. Un interessante intervento di “archeologia urbana” che sta riportando alla luce le straordinarie strutture dell’antico teatro.

Periodicamente vengono anche effettuate delle visite guidate all’interno del cantiere di lavoro che consentono di ammirare una parte del grande e quasi sconosciuto Teatro romano di Neapolis.

In particolare si possono scoprire gli ambulacri esterni ed interni, i cunei di sostegno delle gradinate, il vomitorium occidentale ed il settore di cavea che è stato riportato alla luce.

L’Antico Teatro romano di Neapolis 

Visitare l’Antico Teatro romano di Neapolis all’Anticaglia a Napoli consente di scoprire e conoscere un’interessante stratificazione del nostro straordinario Centro Storico, che ricordiamo, è patrimonio mondiale dell’Unisco e su cui è in corso un grande intervento di ristrutturazione.

Per accedere al cantiere del Teatro si accede da un locale a fronte strada in via S. Paolo ai Tribunali al n. 4 e si inizia a scendere sotto i vecchi palazzi per ad arrivare nei sotterranei del teatro e di una Napoli che non finisce mai di stupirci.

Gli scavi finora effettuati ci fanno subito comprendere di essere nel cuore antico di Neapolis dove, affacciato sul foro della città, c’era il quartiere dei teatri. Un grande e imponente complesso monumentale dedicato alle rappresentazioni sia musicali che drammatiche: l’Odeion, la struttura coperta, ed il teatro scoperto.

Un grande Teatro Romano sotto i Palazzi del Centro Storico

Oggi possiamo ammirare i resti di questo grande teatro perché all’epoca dei romani non si demoliva ma si costruiva sopra agli edifici preesistenti. E dagli scavi il teatro sta rivelando la sua grande mole: le dimensioni ritrovate lo fanno catalogare come un teatro simile ai teatri medio-grandi della Campania, capaci di ospitare fino a 5000 spettatori.

Scendendo nei sotterranei si riconoscono i due corridoi anulari (ambulacri), sui quali si aprivano i vani di servizio (cunei), le scale di accesso alla parte alta degli spalti (media e summa cavea), gli ambienti comunicanti con i sedili inferiori riservati a personaggi illustri (vomitoria).

Uscendo all’esterno che ci porta all’esterno ci si ritrova su una porzione estesa della cavea scoperta, con gradinate ancora bianche del teatro che è letteralmente circondata dagli attuali vecchi palazzi dove si svolge la vita quotidiana della Napoli attuale tra panni stesi e musica e voci che arrivano dalle varie case.

Un Teatro giunto fino a noi dall’epoca romana

Il Teatro di Neapolis era a pochi passi dal Tempio dei Dioscuri che è ora sormontato dalla chiesa di San Paolo Maggiore e nell’aspetto oggi possiamo ammirare, risale alla fine del I e gli inizi II secolo d.C. , periodo in cui venne completamente ricostruito, forse dopo il terremoto del 62 o l’eruzione del 79 d.C..

Dal V secolo in poi il teatro non venne più utilizzato e fu progressivamente abbandonato: pian piano, come d’uso all’epoca,  fu riempito di materiali di risulta per favorire la costruzione di nuove abitazioni. Poi, nel Medioevo divenne probabilmente parte un sepolcreto fino al periodo Angioino dove la zona ha preso le quasi le sembianze attuali.

Il Teatro di Neapolis fu ritrovato in maniera casuale nel 1859 ma i primi scavi furono effettuati tra il 1881 e il 1891. Solo nel 1985 si è riusciti a isolare e recuperare le strutture murarie di epoca romana da quelle moderne e poi dal 1997 iniziò una seria campagna di scavo sull’area nel frattempo acquistata dallo Stato.

Maggiori informazioni : Antico Teatro romano di Neapolis

Scopri gli altri luoghi splendidi di Napoli e della Campania con Napoli da Vivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend