Ricetta Graffe – Cucina napoletana

Ingredienti per 20 graffe

  • 100 g di burro
  • 500 g di farina
  • 120 ml di latte
  • 25 g di lievito di birra
  • buccia di un limone
  • 1 cucchiaino di miele d’acacia
  • 300 g di patate lessate
  • 8 g di sale
  • 3 uova
  • 60 g di zucchero

Preparazione

  1. Lavare e lessale le patate con tutta la buccia.
  2. In latte tiepido sciogliere 30 g di zucchero, aggiungere al composto il lievito sbriciolato ed aspettare che si formi una schiumetta in superficie, dopodiché aggiungere 130 g di farina e mescolate fin quando il composto non diventa omogeneo.
  3. Coprire la pastella ottenuta con della pellicola trasparente e lasciare crescere per 40 min.
  4. Nel frattempo sbucciate le patate e passatele nello schiacciapatate. Alle patate schiacciate, una volta a temperatura ambiente, aggiungete la restante farina, 30 g di zucchero, sale, miele, la buccia di limone e le uova leggermente sbattute.
  5. Aggiungere all’ultimo composto la pasta a base di lievito che precedentemente avevamo messo a riposare. Impastare bene.
  6. Aggiungere il burro spezzettato e continuate a impastare per almeno 10 minuti.
  7. Lasciare lievitare per due ore il nuovo composto in una ciotola coperta.
  8. Passate le due ore su un ripiano infarinato lavorate la pasta per ottenere un cilindro, dal quale otterrete delle palline del peso di 50/60 g l’una.
  9. Schiacciate le palline e fate un buco in mezzo. Allargate il buco e poi posizionatele su uno strofinaccio infarinato e copritele con un altro strofinaccio, dopodiché lasciatele lievitare per un’altra oretta.
  10. Adesso è arrivato il momento di friggere le graffe in olio di semi di arachide.
  11. Ogni graffa deve essere rigirata più volte fin quando non ottiene il caratteristico colore dorato.
  12. Subito dopo che le graffe sono state fritte vanno cosparse di zucchero.

5 Replies to “Ricetta Graffe – Cucina napoletana”

  1. GUIDO ha detto:

    troppo squisite

  2. lello familio ha detto:

    ricordo la panetteria capasso
    in piazza degli artisti negli anni 50 e 60 che lasciava in tutta la zona un odore stupendo di graffe e focacce

  3. antonio ha detto:

    grazie x il consiglio erano buonissime vedramente

    1. antonio ha detto:

      grazie x il consiglio erano buonissime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend