5 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend dal 29 giugno al 2 luglio 2023

Morea-Outdoor-averno-moonlight.jpg

© Morea Outdoor

Sempre tante visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con eventi sempre interessanti, per scoprire, assieme ad esperti e guide, i luoghi più belli della nostra terra.

 

 

Anche per questo weekend dal 29 giugno al 2 luglio 2023, ci saranno delle belle visite guidate nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni.

Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra.

Domenica 2 luglio – Averno Full Moonlight

Domenica 2 luglio alle 19:30, in fase di plenilunio, ci sarà una passeggiata sul Lago d’Averno per camminare al chiaro di luna, in uno scenario suggestivo e poetico. L’Averno è un luogo mitologico, circondato da storia, dalla natura, dalla flora e della fauna. A metà percorso ci fermeremo ad ammirare il paesaggio illuminati dalla romantica luce della Luna

L’evento è curato dal Morea Outdoor cui si potranno chiedere tutte le informazioni

  • Appuntamento: 2 luglio ore 19:30
  • Contributo: 12€ adulti -6 euro bambini da 6 a 13 anni
  • OrganizzazioneMoreaoutdoor– prenotazione obbligatoria inviare un sms whatsapp o contattare il 3281917307 o mail moreaoutdoor@gmail.com
  • Maggiori Informazioni e prenotazioni:Evento Facebook

Domenica 2 luglio – Nel Regno di Ade e Proserpina alla scoperta della Fescina di Quarto (gratuita)

Una bella visita guidata gratuita allo straordinario Mausoleo della Fescina a Quarto al tramonto. Lungo il tracciato di uno dei diverticoli di via Campana, che si distaccava dalla via Puteolis-Capuam, l’odierna via Brindisi, è collocata un’antica necropoli scavata nel corso degli anni Settanta ed Ottanta del ‘900, quando era visibile solo il famoso mausoleo a cuspide, al tempo utilizzato come deposito di attrezzi agricoli. Si tratta di un’area sepolcrale recintata al cui interno si trovano alcuni monumenti funebri. Il mausoleo a cuspide, comunemente indicato come “Fescina”, è la struttura più antica del complesso. Essa si presenta in opera reticolata, si compone di un alto tamburo circolare sormontato da una guglia piramidale a pianta esagonale, copertura rara nella zona flegrea ma molto diffusa nel Mediterraneo orientale durante l’età ellenistica. La visita guidata è gratuita ed ha il patrocinio del Comune di Quarto e della Soprintendenza archeologica

L’evento è curato dal Gruppo Archeologico Campi Flegrei cui si potranno chiedere tutte le informazioni

  • Appuntamento: 2 luglio ore 17.00 in via Brindisi a Quarto (Na)
  • Contributo: l’evento è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione
  • OrganizzazioneGruppo Archeologico Campi Flegrei – prenotazione obbligatoria inviare un sms whatsapp o contattare il 388.8352036 .
  • Maggiori Informazioni e prenotazioni: Gruppo Archeologico Campi Flegrei

Domenica 2 luglio  – Artemisia tra le meraviglie di Donnaregina

Il complesso museale di Donnaregina è tra i siti museali più suggestivi a Napoli per la bellezza delle opere conservate ma soprattutto per la sua sede: due chiese straordinarie nella propria bellezza. Un sito che nasconde un’architettura di una bellezza straordinaria e che conserva dipinti, architetture,  affreschi e sculture straordinari tra architetture gotiche e barocche. Un vero e proprio scrigno in cui si potrà ammirate la mostra Artemisia Gentileschi tra Roma, Firenze e Napoli con la quale si esaminerà la sua formazione il rapporto con l’opera del padre Orazio e con la lezione di Caravaggio. Una visita che contribuirà ad avere un approfondimento ulteriore della produzione artistica di Artemisia Gentileschi che era molto stimata a Napoli al punto di aprire una propria bottega molto fiorente interagendo e collaborando con i migliori artisti locali quali Massimo Stanzione Onofrio Palumbo e Bernardo Cavallino.

L’evento è curato dal Megaride Art cui si potranno chiedere tutte le informazioni sulla visita 

  • Appuntamento: – ore 10:15 largo Donnaregina inizio attività culturale 10:30 – termine 12,45 circa
  • Contributo: 12 euro a persona + costi ingresso Musei Diocesani 7€
  • OrganizzazioneMegaride Art– Prenotazione obbligatoria solo nella pagina dell’evento
  • Maggiori Informazioni Pagina ufficiale Megaride Art

Sabato 1 Luglio – Dallo Jago Museum alla Cappella dei Bianchi: arte e fede nel cuore dei Vergini

Il borgo dei Vergini, luogo ricco di storia e devozione, sarà il protagonista di una visita guidata che partirà dalla Chiesa di Sant’Aspreno ai Crociferi e terminerà nella Cappella dei Bianchi di San Severo fuori le mura. Il filo conduttore saranno le opere del talentuoso artista Jago: all’interno della Chiesa infatti oggi c’è lo Jago Museum, lo spazio dove l’Artista ha concepito e realizzato opere come la Pietà, Aiace e Cassandra, David qui esposte. Poi nella Cappella, circondati da tele barocche, vedremo l’opera forse più struggente, il Figlio Velato.

L’evento è curato da L’Arte nel tempo cui si potranno chiedere tutte le informazioni sulla visita

  •  Appuntamento: – 1 luglio – ore 10:30 sotto Porta San Gennaro
  • Contributo: 18 euro a persona e comprende – ticket di ingresso allo Jago Museum- ticket di ingresso alla Cappella dei Bianchi – visita guidata -auricolari sanificati per ascoltare le guide a distanza
  • OrganizzazioneL’Arte nel tempo – Prenotazione obbligatoria per motivi organizzativi informazioni e prenotazione obbligatoria 340 9543337 oppure scrivere una mail a larteneltempo1@gmail.com
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale L’Arte nel tempo

Aperta tutti i giorni – La Chiesa di Santa Luciella ai librai quella del teschio con le orecchie 

Santa Luciella è una piccola chiesa nel cuore del centro antico di Napoli, situata nel vicolo di Santa Luciella che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno. La chiesa fu fondata poco prima del 1327 da Bartolomeo di Capua, giureconsulto e consigliere politico di Carlo II d’Angiò e di Roberto I nonché committente di alcuni importanti portali gotici per S. Lorenzo Maggiore e S. Domenico Maggiore e fondatore nel 1314 della chiesa di San Maria di Montevergine. Presa poi in custodia dai pipernieri, antichi artisti che scolpivano le pietre dure con scalpello e martello, e temendo che le schegge, schizzando dalla pietra, potessero conficcarsi negli occhi, iniziarono a venerare Santa Lucia, la protettrice della vista, decidendo, dunque, di dedicarle questo luogo. Nel 18°sec fu oggetto di un sostanziale rimaneggiamento e nel 1748 divenne sede dell’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione SS. Gioacchino e Carlo Borromeo. Nei sotterranei della Chiesa é conservato il famoso teschio con le orecchie, simbolo del culto delle anime del purgatorio a Napoli. Santa Luciella, abbandonata da più di 30 anni, è stata riaperta grazie alla tenacia ed al lavoro dell’Associazione Respiriamo Arte nel 2019. Dal 28 Aprile Al 4 Giugno visitabile anche la mostra Di Immagini Sacre – Santi, Santini e Anime del PurgatoriO

La visita è a cura dell’Associazione Respiriamo Arte a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – La chiesa è visitabile tutti i giorni dalle 10:30 alle 18:00 in vico Santa Luciella 5 Napoli (strada che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno.)
  • Contributo: visita accompagnata 6 euro
  • OrganizzazioneAssociazione Respiriamo Arte – Info respiriamoarte@gmail.com / 3314209045
  • Maggiori Informazioni Pagina ufficiale 

© Napoli da Vivere 2023 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend