Riapre Pio Monte della Misericordia: Gratis il capolavoro del Caravaggio

Pio-Monte-di-Misericordia-di-Napoli.jpg

Da Lunedì 18 maggio ci sarà la riapertura straordinaria della Chiesa del Pio Monte della Misericordia e si potrà ammirare gratuitamente, per tutta la settimana, il capolavoro del Caravaggio

 

AGGIORNAMENTO- INGRESSO GRATUITO FINO AL 10 GIUGNO SOLO ALLA CAPPELLA – VISITA GUIDATA GRATUITA IL GIOVEDI’ SEMPRE CON PRENOTAZIONE SUL SITO

Da Lunedì 18 maggio 2020 e fino al 10 giugno ci sarà la riapertura della Chiesa del Pio Monte della Misericordia in Via dei Tribunali 253, dalle ore 9:00 alle ore 13:00. Per l’occasione l’antica istituzione del Pio Monte ha concesso l’ingresso gratuito dal lunedì alla domenica.

Nella storica chiesa si potrà così ammirare una delle opere del Caravaggio conservate, e dipinte a Napoli.

Parliamo della splendida “Le sette opere di Misericordia”, un grande olio su tela realizzato da Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, tra la fine del 1606 e l’inizio del 1607 su incarico della Congregazione del Pio Monte della Misericordia per volere di Luigi Carafa-Colonna.

Un’opera bellissima che rappresenta ed illustra la missione della Congregazione del Pio Monte della Misericordia poiché illustra le opere caritatevoli svolte in un’esaltante visione d’insieme dei diversi personaggi.

L’opera è conservata da allora nella chiesa del Pio Monte della Misericordia ed è uno dei tre capolavori del Caravaggio che si possono ammirare a Napoli.

Nella chiesa del Pio Monte non solo l’opera del Caravaggio

Nella seicentesca chiesa che sarà aperta al pubblico gratuitamente sull’altare maggiore c’è il capolavoro di Caravaggio, “Le Sette Opere della Misericordia“, ma, nelle cappelle laterali, ci sono altri capolavori.

La chiesa è infatti a pianta ottagonale e nelle cappelle laterali ci sono altri capolavori come i dipinti di Battistello Caracciolo “San Pietro liberato dal carcere”, Fabrizio Santafede “Cristo ospitato in casa di Marta e Maria” e “San Pietro resuscita Tabithà”, Luca Giordano “Deposizione”, Giovan Vincenzo D’Onofrio detto il Forlì “Il Buon Samaritano”e Giovan Bernardo Azzolino “San Paolino libera lo schiavo”.

Tutte opere straordinarie che illustrano anche loro le opere della misericordia esercitate dal Pio Monte sin dai primi anni d’attività.

Maggiori informazioni Pio Monte della Misericordia 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend