4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend dal 7 al 10 dicembre 2023

lapis-museum-4.jpg

Ph Marcello Erardi

Sempre tante visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con eventi sempre interessanti, per scoprire, assieme ad esperti e guide, i luoghi più belli della nostra terra.

 Include contenuto sponsorizzato

Anche per questo weekend dal 7 al 10  dicembre 2023ci saranno delle belle visite guidate nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni. Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra. Chiedete sempre informazioni sulle misure specifiche che verranno applicate per rispettare le normative per l’emergenza e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti

Tutti i giorni – Un lungo Ponte dell’Immacolata nel centro di Napoli nello straordinario nel percorso sotterraneo tra cripte, acquedotti e cisterne antiche

© Napoli da Vivere

Contenuto sponsorizzato

Il 2023 ci ha regalato, tra i tanti, anche un lungo Ponte dell’Immacolata: napoletani e turisti si riversano in strada per la tradizionale passeggiata dell’8 dicembre tra i vicoli di San Gregorio Armeno e i primi acquisti dei regali di Natale. Se anche voi siete nel centro storico di Napoli in questi giorni, il percorso sotterraneo della Basilica della Pietrasanta, oggi nota come LAPIS Museum, è una tappa imprescindibile di queste festività. A 35 metri di profondità si snoda un suggestivo itinerario che comprende antiche cisterne greco-romane che, grazie ad una collaborazione con ABC Napoli, hanno dato vita al Museo dell’Acqua, oggi parte della prestigiosa Global Network of Water Museums UNESCO. I visitatori percorreranno poi il Decumano Sommerso, la parte dell’antico acquedotto riutilizzata come ricovero antiaereo nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Qui ad attenderli la Sala della Luna, con una bellissima installazione che ricorda le origini del Complesso della Pietrasanta, costruita, secondo alcuni studi, proprio sul tempio della dea Diana, dea della caccia e, appunto, della luna. Si prosegue con la Sala dei racconti, dove gli ologrammi di Gennaro e Michela rievocano la vita negli anni ’40 per chiudere con la Sala dei bombardamenti, proiezione immersiva che restituisce i terribili momenti vissuti da Napoli chiudendosi con un messaggio di speranza e di pace.

Il LAPIS Museum è aperto al pubblico tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20.00 con ben sei turni di visite guidate dal lunedì al venerdì: 10.30 – 12.30 – 13.30 – 15.30 – 16.30 – 18.30, e cinque il sabato e la domenica alle ore 10.30 – 12.30 – 14.30 – 16.30 – 18.30. Particolarmente consigliata la prenotazione, soprattutto a ridosso di weekend, ponti e festivi. Prenotare è semplicissimo: è possibile farlo al numero 081 19230565 attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 14.00, ma sempre attivo con il servizio di messaggi WhatsApp, oppure alla mail info@lapismuseum.com, indicando il giorno, l’orario di preferenza, il numero di persone e un nominativo di riferimento. E per chi vuole acquistare direttamente on-line, può farlo senza costi di prevendita sul sito ufficiale senza costi di prevendita

Le visite sono a cura di Lapis Museum a cui si potranno chiedere tutte le informazioni.

  • Appuntamento: tutti i giorni – aperto dalle 10.00 alle 20.00, visite guidate 10.30 – 12.30 – 13.30 – 15.30 – 16.30 – 18.30. Nel fine settimana 10.30 – 12.30 – 14,30 -16.30 – 18.30. Per il weekend, festivi e ponti è raccomandata la prenotazione.
  • Contributo: Visita normale con Ticket intero 10 euro x visita accompagnata in gruppo. Possibili sconti famiglia, gruppi e altre riduzioni.
  • OrganizzazioneLapis Museum Prenotazione consigliata – Consigliate scarpe comode e un coprispalle per le cavità – info e prenotazioni +39 081 192 30 565– dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (servizio WhatsApp sul numero sempre attivo) prenotazioni anche via mail indicando nome, il numero di persone, il giorno e l’orario di preferenza.info@lapismuseum.com Lapis Museum sito ufficiale    
  • Maggiori Informazioni:  Museo dell’Acqua e Decumano sotterraneo

Domenica 10 dicembre – Wunderkammer napoletano: visita al Museo delle Tradizioni Povere

Ph Facebook L’Arte nel Tempo

All’interno del famosissimo Palazzo dello Spagnolo nel Borgo dei Vergini ci sono delle stanze delle meraviglie dove si può compiere un viaggio nella essenza della napoletanità. Il Museo delle Tradizioni Povere Napoletane è un magico mondo, nelle varie stanze troveremo sono cimeli e curiosità legate alla Città. Vedremo infatti oggetti antichi di uso comune insieme ad altri legati alle figure più importanti di Napoli: Totò, Peppino De Filippo, Sophia Loren, Tina Pica, in un suggestivo mix tra sacro e profano, che è un po’ l’anima di Parthenope.

L’evento è a cura di L’arte nel tempo a cui si potranno chiedere tutte le informazioni.

  • Appuntamento: – Domenica 10 dicembre ore 10:30 sotto Porta San Gennaro
  • Contributo: Il contributo organizzativo è di 15,00 euro e comprende la visita guidata e il biglietto di ingresso al Museo.
  • OrganizzazioneL’arte nel tempo – la prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni chiamare il 3409543337 oppure scrivere una mail a larteneltempo1@gmail.com   
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale L’arte nel tempo

Domenica 10 dicembre –Santa Maria La Nova: la chiesa, il chiostro e il mistero della Tomba di Dracula

 

Il Complesso di Santa Maria La Nova è considerato tra le strutture più belle di Napoli. Uno scrigno di storia, di arte e di religiosità. Il Complesso Monumentale che visiteremo è costituito dalla bellissima chiesa e dal Chiostro che ospita gli affreschi legati alla vita di San Giacomo della Marca. In più qui sono presenti vari monumenti sepolcrali, tra cui quello attribuito a Vlad III Tepes….il conte Dracula. La sfarzosa chiesa tardo rinascimentale è, invece, arricchita da tavole del Curia, dell’Imparato, del Corenzio, da uno splendido altare del Fanzago ed ospita al suo interno la lapide sepolcrale di Giovanna d’Aragona, moglie di Ferdinando I.

La visita è curata dall’Associazione Heart of the city cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: domenica 10 dicembre ore 10:30 – Durata: 1,30h circa
  • Contributo: 15€ a persona (ridotto junior 6€ da 8 a 11 anni / 8€ da 12 a 17 anni / fino a 7 anni gratis) incluso biglietto d’ingresso – visita guidata con Guida Abilitata – visita guidata con supporto radio in collegamento con la guida
  • OrganizzazioneHeart of the city obbligatoria la prenotazione – email: info@heartofthecity.it – telefono/sms/whatsapp: 3770994320 –
  • Maggiori Informazioni e prenotazione obbligatoria dall’Associazione Heart of the city

 Aperta tutti i giorni – La Chiesa di Santa Luciella ai librai quella del teschio con le orecchie 

Santa Luciella è una piccola chiesa nel cuore del centro antico di Napoli, situata nel vicolo di Santa Luciella che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno. La chiesa fu fondata poco prima del 1327 da Bartolomeo di Capua, giureconsulto e consigliere politico di Carlo II d’Angiò e di Roberto I nonché committente di alcuni importanti portali gotici per S. Lorenzo Maggiore e S. Domenico Maggiore e fondatore nel 1314 della chiesa di San Maria di Montevergine. Presa poi in custodia dai pipernieri, antichi artisti che scolpivano le pietre dure con scalpello e martello, e temendo che le schegge, schizzando dalla pietra, potessero conficcarsi negli occhi, iniziarono a venerare Santa Lucia, la protettrice della vista, decidendo, dunque, di dedicarle questo luogo. Nel 18°sec fu oggetto di un sostanziale rimaneggiamento e nel 1748 divenne sede dell’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione SS. Gioacchino e Carlo Borromeo. Nei sotterranei della Chiesa é conservato il famoso teschio con le orecchie, simbolo del culto delle anime del purgatorio a Napoli. Santa Luciella, abbandonata da più di 30 anni, è stata riaperta grazie alla tenacia ed al lavoro dell’Associazione Respiriamo Arte nel 2019.

La visita è a cura dell’Associazione Respiriamo Arte a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – La chiesa è visitabile tutti i giorni dalle 10:30 alle 18:00 in vico Santa Luciella 5 Napoli (strada che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno.)
  • Contributo: visita accompagnata 6 euro
  • OrganizzazioneAssociazione Respiriamo Arte – Info respiriamoarte@gmail.com / 3314209045
  • Maggiori InformazioniPagina ufficiale 

 © Napoli da Vivere 2023 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend