4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend dal 19 al 21 maggio 2023

lapis-museum-4.jpg

Ph Marcello Erardi

Sempre tante visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con eventi sempre interessanti, per scoprire, assieme ad esperti e guide, i luoghi più belli della nostra terra.

 

 Include contenuto sponsorizzato

Anche per questo weekend dal 19 al 21 maggio 2023, ci saranno delle belle visite guidate nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni.

Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra.

Chiedete sempre informazioni sulle misure specifiche che verranno applicate per rispettare le normative per l’emergenza e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti

Tutti i giorni – Il percorso sotterraneo nascosto del LAPIS Museum nel Centro Storico di Napoli

Ph Lapis Museum

Contenuto sponsorizzato

Napoli è una città dalle mille sfaccettature, celebre per i suoi tesori storici e culturali. Ma c’è un luogo, nascosto sotto le strade affollate del centro storico di Napoli, che offre un’esperienza unica: il percorso sotterraneo della Basilica della Pietrasanta, oggi nota come LAPIS Museum. Un percorso dal fascino segreto particolarmente attrattivo anche in questi giorni di pioggia di maggio, offrendo la possibilità ai visitatori di esplorare il passato sotterraneo di Napoli e immergersi in un’avventura culturale indimenticabile. Attraverso il Museo dell’Acqua e il Decumano Sommerso, il percorso sotterraneo del LAPIS Museum, come un passaggio segreto, conduce i visitatori in un mondo nascosto, fatto di cavità, cisterne e cunicoli nel cuore della città, che ne hanno permesso la vita e la salvezza nel corso dei secoli. È in questo antico acquedotto, riconvertito in parte in ricovero antiaereo, che i napoletani hanno trovato la salvezza dai terribili bombardamenti della Seconda guerra mondiale. Una pagina della storia della città raccontata non solo dalla voce dello staff, che accompagna i visitatori lungo questo itinerario, ma anche da installazioni multimediali e interattive che rendono la visita più coinvolgente, a cominciare dagli ologrammi di Gennaro e Michela, che raccontano la vita negli anni ’40, o la Sala dei bombardamenti, riambientazione immersiva dei momenti vissuti da Napoli. Il percorso sotterraneo è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00, ed è accessibile con quattro turni di discesa al giorno: 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18.30 con visite guidate di 75 minuti circa.  Particolarmente consigliata la prenotazione durante weekend, festivi e ponti. È possibile prenotare al numero 08119230565 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 14.00, ma sempre attivo con il servizio di messaggi WhatsApp oppure via mail a info@lapismuseum.com, indicando la data e l’ora di preferenza, il numero di persone e un nominativo di riferimento. Per chi invece preferisce acquistare direttamente i propri biglietti, può farlo sul sito ufficiale 

 Le visite sono a cura di Lapis Museum a cui si potranno chiedere tutte le informazioni.

  • Appuntamento: tutti i giorni – aperto dalle 10.00 alle 20.00, i turni di visita accompagnati sono quattro: 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18.30. durante i quali è possibile ammirare e scoprire una Napoli inedita e sorprendente. per il weekend, festivi e ponti è raccomandata la prenotazione.
  • Contributo: Visita normale con Ticket intero 10 euro x visita accompagnata in gruppo. Possibili sconti famiglia, gruppi e altre riduzioni.
  • OrganizzazioneLapis Museum Prenotazione consigliata – Consigliate scarpe comode e un coprispalle per le cavità – info e prenotazioni +39 081 192 30 565 – dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (servizio WhatsApp sul numero sempre attivo) prenotazioni anche via mail indicando nome, il numero di persone, il giorno e l’orario di preferenza.info@lapismuseum.com Lapis Museum sito ufficiale    
  • Maggiori Informazioni:  Museo dell’Acqua e Decumano sotterraneo

Domenica 21 maggio  – Santa Lucia, Pizzofalcone e Rampe Lamont Young

© Napoli da Vivere

Le origini del borgo di Santa Lucia risalgono a tempi remoti e la sua storia coincide con quella di Napoli. Era il lontano VIII secolo a.C. quando i coloni greci provenienti da Cuma decisero di fondare Parthènope, un territorio compreso tra l’isolotto di Megaride e le colline di Pizzofalcone. Due secoli più tardi Parthènope fu rifondata come Neapolis, e il borgo abitato dai Luciani, abili marinai fedeli ai Borbone e pescatori che davano vita a numerose parate e feste sul mare. Il tour, partirà da Piazza del Plebiscito e seguirà un percorso insolito che vi accompagnerà a scoprire vicoli, scalinate e strade dimenticate e a valorizzare i loro antichi fasti attraverso storie e racconti. Arriveremo in cima alla collina di Pizzofalcone, dove potremmo godere del panorama di Napoli da un unto di vista molto particolare e riscenderemo insieme sulle rampe Lamont Young per arrivare vicino al Castel dell’Ovo.

La visita è curata Heart of the City cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: Domenica 21 maggio – Piazza Trieste e Trento, Napoli – ore 10.30 (partenza ore 10.45)
  • Contributo: 10€ / ridotto junior da 12 a 17 anni 5€ / ridottissimo da 8 a 11 anni 3€ / fino a 7 anni gratis
  • OrganizzazioneHeart of the City – obbligatoria la prenotazione email: info@heartofthecity.it o tel / sms / whatsapp: 3770994320
  • Maggiori Informazioni e prenotazione obbligatoria dall’Associazione Heart of the City

Sabato 20 Maggio 2023 – Visita esclusiva al Convento delle Figlie della Carità a Materdei  

Ph Facebook Megaride Art

Un percorso inedito ed esclusivo in un luogo aperto in via eccezionale per l’Associazione che ci propone la visita. Partendo da piazzetta Materdei fulcro urbano e cuore pulsante del quartiere che prende il nome dall’antica chiesa di Santa Maria Mater Dei troveremo l’annesso convento costruito nella seconda metà del 1500 per i padri Serviti e modificato nel corso del 700 da Nicola Tagliacozzi Canale. Attraverso i secoli il complesso ha subito vari rifacimenti dovuti a diversi usi che se ne sono fatti ed oggi è affidato alle Figlie della Carità. Entrando nel convento oggi luogo inaccessibile ai più si avrà la possibilità di vedere e passeggiare all’interno del suggestivo giardino di origine settecentesca appositamente aperto per associazione Megaride Art e Getta la Rete.

La visita è a cura di Megaride Art a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – ore 10,30 Piazzetta Materdei – inizio attività culturale ore 10,45, termine ore 12,30-12,45 circa
  • Contributo: 12 euro a persona – Prevista una libera donazione alla Chiesa
  • OrganizzazioneMegaride Art– Prenotazione obbligatoria sulla pagina ufficiale
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale Megaride Art

Aperta tutti i giorni – La Chiesa di Santa Luciella ai librai quella del teschio con le orecchie 

Santa Luciella è una piccola chiesa nel cuore del centro antico di Napoli, situata nel vicolo di Santa Luciella che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno. La chiesa fu fondata poco prima del 1327 da Bartolomeo di Capua, giureconsulto e consigliere politico di Carlo II d’Angiò e di Roberto I nonché committente di alcuni importanti portali gotici per S. Lorenzo Maggiore e S. Domenico Maggiore e fondatore nel 1314 della chiesa di San Maria di Montevergine. Presa poi in custodia dai pipernieri, antichi artisti che scolpivano le pietre dure con scalpello e martello, e temendo che le schegge, schizzando dalla pietra, potessero conficcarsi negli occhi, iniziarono a venerare Santa Lucia, la protettrice della vista, decidendo, dunque, di dedicarle questo luogo. Nel 18°sec fu oggetto di un sostanziale rimaneggiamento e nel 1748 divenne sede dell’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione SS. Gioacchino e Carlo Borromeo. Nei sotterranei della Chiesa é conservato il famoso teschio con le orecchie, simbolo del culto delle anime del purgatorio a Napoli. Santa Luciella, abbandonata da più di 30 anni, è stata riaperta grazie alla tenacia ed al lavoro dell’Associazione Respiriamo Arte nel 2019. Dal 28 Aprile Al 4 Giugno visitabile anche la mostra Di Immagini Sacre – Santi, Santini e Anime del PurgatoriO

La visita è a cura dell’Associazione Respiriamo Arte a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – La chiesa è visitabile tutti i giorni dalle 10:30 alle 18:00 in vico Santa Luciella 5 Napoli (strada che collega San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno.)
  • Contributo: visita accompagnata 6 euro
  • OrganizzazioneAssociazione Respiriamo Arte – Info respiriamoarte@gmail.com / 3314209045
  • Maggiori Informazioni Pagina ufficiale 

© Napoli da Vivere 2023 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Powered by GetYourGuide
scroll to top
Send this to a friend