Una straordinaria mostra con i giocattoli antichi ritrovati nei depositi del Mann di Napoli

Mostra-giocattoli-mann-1.jpg

Ph Valentina Cosentino

Giocare a regola d’arte è una bella mostra che ci consente di ammirare i giocattoli dei nostri antenati, veri e propri tesori, che sono stati ritrovati nei depositi del MANN il  Museo Archeologico Nazionale di Napoli

 

 

Ben 50 reperti, sono stati recuperati dai depositi del MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la mostra “Giocare a regola d’arte”, oggi veri tesori ma, secoli fa, semplici giocattoli dei nostri antenati.

Bambole snodate, vere e proprie ‘Barbie’ di 2500 anni fa, e poi la piccola biga con cui giocò qualche ragazzino di Pompei e tanto altro. Oltre 50 i pezzi inediti selezionati tra le migliaia e migliaia di reperti esistenti nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli: uno straordinario patrimonio ancora da scoprire.

Ph Valentina Cosentino

La mostra “Giocare a regola d’arte”, voluta e curata da Paolo Giulierini, direttore del MANN, ed Ermanno Tedeschi rimarrà in esposizione fino al fino al 2 giugno 2022 mostrandoci con che giocavano i bambini di 2500 anni fa.

“Giocare a regola d’arte” 50 straordinari giocattoli di 2500 anni fa

Cinque sale tra reperti romani e giocattoli del ‘900 con un unico filo conduttore: il confronto tra forme e modi del divertimento che sono poi simili in tutte le epoche.

Ph Valentina Cosentino

Tante le meraviglie recuperate dai depositi ci sono due fanciulli inginocchiati e un bimbo ‘in toga’ (da Pompei), le statuette di kourotrophos (Capua, IV- III sec. a.C.), il poppatoio in ceramica a forma di volatile (restituzione del Cleveland Museum of Art/ fine IV- III sec. a.C.), (. a.C.). In mostra spazio al contemporaneo con opere colorate come la bimba che fa il bagnetto con una papera (di David Gerstein).

Ph Valentina Cosentino

E poi affreschi ritrovati nelle città vesuviane sepolte che ci mostrano il gioco del nascondino e quello del chiodo, terracotte più antiche con il cavalluccio marino e il gioco del cerchio e poi statuette di gladiatori e un Amorino in culla una del III secolo ritrovata ad Egnazia.

Ph Valentina Cosentino

Stupendi reperti recuperati dai vasti depositi del MANN, giocattoli di tanti secoli fa che suscitano ancora tanta tenerezza.

Maggiori informazioni MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli – “Giocare a regola d’arte

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend