Street Art a Napoli: nuova opera di Jorit all’Ospedale Cardarelli

jorit-cardarelli-3.jpg

Napoli si arricchisce di bellissimi murales di Agor Jorit: l’ultimo è dedicato ad Antonio Cardarelli, insigne medico cui è dedicato il più grande Ospedale del Mezzogiorno

 

 

Ancora una grande opera di Agor Jorit porta la sua street art sui muri della città di Napoli e del suo circondario. Dopo il grande ritratto del poeta e scrittore Pier Paolo Pasolini a Scampia, all’uscita della metro 1, affiancato da un altro grande Murale su Angela Davis, Jorit è tornato all’opera in città nell’Ospedale Antonio Cardarelli.

All’interno del più grande ospedale del Mezzogiorno Jorit sta rappresentando in questi giorni proprio il Professor Antonio Cardarelli, il grande medico, luminare della medicina, che lavorò agli Incurabili e poi come docente di Patologia Medica nella Regia Università di Napoli per lunghi anni.

Morì nel 1927 dopo essere stato anche senatore del Regno e anche medico di fiducia di personaggi illustri quali tra cui Giuseppe Garibaldi, i sovrani Vittorio Emanuele II e Umberto I, Giuseppe Verdi e Benedetto Croce.

A lui sono dedicati l’ospedale Antonio Cardarelli di Napoli, il più grande del Sud Italia e quello di Campobasso.

Il Murale di Jorit all’interno dell’Ospedale Cardarelli di Napoli

Il lavoro di Jorit è su un muro interno dell’Ospedale Cardarelli vicino al Padiglione storico. Ed anche per Antonio Cardarelli si vedono sul viso le due strisce rosse sulle guance che rimandano ai rituali africani.

Il Murales di Cardarelli in fase di realizzazione

Il Murales di Cardarelli in fase di realizzazione

Molti grandi ritratti di Jorit, infatti, sono riconoscibili da quello che ormai è diventato un marchio di fabbrica dello street artist, quella che Jorit definisce Human Tribe. Ma oltre alle strisce in viso Jorit lascia anche altri messaggi nascosti sotto il ritratto.

Il messaggio nascosto nel murales dedicato a Cardarelli di Jorit

Il messaggio nascosto nel murales dedicato a Cardarelli di Jorit

Il messaggio nascosto sotto il ritratto di Cardarelli riguarda la citazione della Costituzione circa il diritto alla salute:

“La Repubblica tutela la salute come diritto dell’individuo e interesse della collettività mediante il servizio Sanitario Nazionale. La tutela della salute fisica e psichica deve avvenire nel rispetto della dignità e della libertà della persona umana. Il servizio Sanitario Nazionale è tenuto al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione, senza distinsione di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l’eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio”.

Le grandi opere di Agor Jorit a Napoli e nelle vicinanze

Sono tante oramai le opere che Agoch Jorit sta lasciando in città e nelle vicinanze. Dal San Gennaro di Forcella al Maradona di San Giovanni a Teduccio, fino alla ragazza di Ponticelli.

Maradona e Niccolò di Jorit a San Giovanni a Tedduccio

Uno degli ultimi lavoro in città di Jorit è al Vomero in via Guido Mensinger ed è il ritratto Ilaria Cucchi, rappresentandola come una guerriera che ha lottato tanto per la morte del fratello Stefano: Il Lavoro di Jorit al Vomero.

Da non perdere poi il grandissimo ritratto di Pasolini a Scampia all’uscita della metro della linea 1, quasi affiancato su un altro palazzo da quello di Angela Davis, attivista per i diritti civili.

 Foto Cardarelli: Facebook Jorit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend