4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend 26-27 gennaio 2019

MANN-for-Kids-eventi-gratuiti-per-bambini-al-Museo-Nazionale-di-Napoli.jpg

Le visite guidate a Napoli e nelle vicinanze nell’ultimo weekend di gennaio 2019 per scoprire i luoghi più belli della nostra terra

 

 

Sempre tanti appuntamenti nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con visite guidate che ci faranno scoprire i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni.

Questa settimana una particolare visita alla zona di Piazza Garibaldi accompagnato dai migranti che vivono da anni in città e poi una splendida visita a Santa Maria di Monteoliveto vero capolavoro con opere del Vasari. Sempre in città alla scoperta di una mostra molto bella che ci farà scoprire parte dei capolavori conservati nei depositi di Capodimonte e poi al centro di Napoli per conoscere il Circolo Artistico Politecnico.

passeggiate interculturali napoli

Sabato 26 gennaio – Mille mondi alla stazione, passeggiate interculturali

Visite guidate a Napoli con gli accompagnatori interculturali di origine straniera dell’Associazione Migrantour Napoli per incontrare Mondi lontani che abitano qui. Nel variegato mondo che circonda Piazza Garibaldi a Napoli vedremo il primo supermercato di riferimento per i cittadini di origine straniera di ogni nazionalità, la prima macelleria halal in città, l’artigianato magrebino, i parrucchieri africani, le panetterie e gli alimentari algerini, la Moschea di via Firenze e il mercato senegalese di via Bologna. Sono solo alcune delle tappe che percorreremo con gli accompagnatori interculturali di origine di Migrantour Napoli per incontrare Mondi lontani che abitano qui.

  • Appuntamento:alle 10,00 Piazza Garibaldi durata 2 h
  • Contributo:  10€ e la prenotazione è obbligatoria
  • Informazioni:  334 6049916 | Pagina Facebook

Sabato 26 gennaio – Ricordi del Vasari: S.Anna dei Lombardi e Cripta degli Abati

Una visita guidata per scoprire Santa Maria di Monteoliveto, una delle più belle chiese di Napoli e testimonianza del rinascimento toscano a Napoli. Si visiterà la Cripta degli Abati recentemente aperta alle visite. La visita seguirà uno speciale itinerario tematico incentrato sulla figura di Giorgio Vasari, artista e storiografo straordinario, che ha lasciato a Santa Maria di Monteoliveto alcune delle testimonianze più eloquenti della sua arte Informazioni

  • Appuntamento: alle 10,30 chiesa di S.Anna dei Lombardi, Monteoliveto Napoli
  • Contributo:  7,00€ e la prenotazione è consigliata
  • Informazioni: 081 4420039 320 3512220

sant'anna dei lombardi napoli

Domenica 27 gennaio – I Depositi di Capodimonte: storie ancora da scrivere

Una visita per ammirare un’eccellente mostra che è stata allestita al Museo di Capodimonte: sono esposte, infatti, opere provenienti dai depositi del Museo. Dipinti, statue, arazzi, porcellane, armi, e oggetti di arti decorative provenienti unicamente dai cinque depositi di Capodimonte, per raccontarne il ruolo e la storia. Tra queste, straordinarie opere di Lanfranco, Gioacchino, Toma, Migliaro, Guido Reni; vi sono, inoltre, la collezione di oggetti esotici che il Capitano James Cook donò a Ferdinando IV di Borbone e i numerosi servizi da tavola in porcellana di Meissen, di Berlino, della Manifattura Richard Ginori, impossibili da esporre per la loro vastità. Nel corso degli anni, dai depositi, è stata ricostruita la collezione di oggetti rari di provenienza Farnese attualmente nella Wunderkammer del Museo e la collezione del cardinale Stefano Borgia dopo lunghissimi lavori di ricognizione sull’antico inventario. Maggiori info

  • Appuntamento:ore 10.00 presso Bar ubicato all’interno del cortile del Museo di Capodimonte Napoli
  • Contributo: € 10 a persona – soci 8€ – comprensivi di visita guidata e servizio auricolari.A detti costi si aggiunge costo di biglietto ingresso Museo di Capodimonte secondo le diverse modalità.
  • Informazioni e prenotazione obbligatoria: 3481149647 con Megaride Art

Sabato 26 gennaio – Benvenuto Novecento: visita al Circolo Artistico Politecnico

Una Napoli che stava per cambiare anche a seguito dell’ultima epidemia di colera del 1884. Gli artisti napoletani convogliavano il loro fermento nella creazione di circoli come la Società Napoletana degli Artisti, fondata in casa del pittore Edoardo Dalbono nel 1888 che si fuse poi con il Circolo forense e poi con quello Politecnico di Ubaldo Masoni e prese il nome di Circolo Artistico Politecnico. Dopo alcuni spostamenti in vari palazzi della città, nel 1907 il Circolo trovò la sua collocazione ideale nel seicentesco edificio di Piazza Trieste e Trento, ex foresteria di Palazzo Reale e sede del Cardinale Zapata, Vicerè di Napoli. Con il passar del tempo i soci vi trasferirono raccolte d’arte, librarie, fotografiche, documentali e gli arredi storici acquisiti nel corso degli anni dall 1888 fino ai nostri giorni. Oggi La Fondazione Circolo Artistico Politecnico si occupa di tutelare e divulgare la produzione storico-artistica-letteraria del Novecento napoletano. Maggiori info 

  • Appuntamento:ore 10.00 Piazzetta Augusteo, Napoli Durata: 90 minuti circa
  • Contributo: € 10 a persona compreso ticket di ingresso al Circolo
  • Informazioni e prenotazione obbligatoria:  3472374210 con Locus Iste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend