Ritrovati a Bacoli i resti di una antica villa romana monumentale di epoca imperiale

Villa-Romana-Bacoli-Ph-Soprintendenza-Archeologia-Belle-Arti-e-Paesaggio-per-lArea-Metropolitana-di-Napoli-3.jpg

Ph Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l'Area Metropolitana di Napoli

“Una scoperta archeologica di portata eccezionale”, così è stata definito dalla Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Napoli il ritrovamento dei resti di una villa romana monumentale di almeno 10 stanze a Bacoli

Ritrovati in questi giorni a Bacoli i resti di una monumentale villa romana di epoca imperiale affacciata sul mare di Miseno, durante i lavori per la realizzazione di nuovo parco comunale nei pressi Punta Sarparella. Una meraviglia del I sec d.C.. che era stata “sepolta” dall’ex Lido Piranha con colate di cemento in spiaggia ed in mare che l’amministrazione comunale ha demolito, bonificando e recuperando l’intera l’area.

Duranti questi lavori di allestimento del parco affacciato su Punta Sarparella sono emersi i resti di quella che si è rivelata essere una monumentale villa romana realizzata in opera reticolata di cubilia di tufo e che si estende fino alla spiaggia e ai fondali antistanti.

Una monumentale villa romana di epoca imperiale

Attualmente sono stati individuati una decina di ambienti di grandi dimensioni con i resti di una delle terrazze probabilmente della residenza del Prefetto della Flotta romana del Tirreno, la Classis Misenensis.

Ph Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli

Un’ipotesi che si basa sulla circostanza che il promontorio di Punta Sarparella offriva la massima visibilità dell’intero bacino portuale ed un’ampia veduta sul Golfo intero. E qualcuno parla anche della famosa villa di Plinio il Vecchio da cui partì per accorrere a Pompei dilaniata dall’eruzione del Vesuvio. Una struttura maestosa che si trovava in una zona prospiciente all’antico porto romano, vicina all’ingresso del teatro di Misenum, al Collegio degli Augustali e all’area del foro cittadino.  Tra poche settimane l’inaugurazione dell’area del parco pubblico sul mare, che permetterà di ammirare i resti di questa splendida villa romana.

Ph Facebook Josi Gerardo Della Ragione

Maggiori informazioni – Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli

© Napoli da Vivere 2024 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top