Restaurato a Napoli il dipinto di Mattia Preti sulla Porta San Gennaro alla Sanità

porta-san-gennaro-buona.jpg

Torna all’antico splendore, in occasione del Maggio dei Monumenti 2021, il dipinto murale di Mattia Preti che si trova su Porta San Gennaro della Madonna con i santi Gennaro, Rosalia e Francesco Saverio

 

 

E’ stato restaurato a Napoli il dipinto murale di Mattia Preti che si trova su Porta San Gennaro a Piazza Cavour e che rappresenta la Madonna con i santi Gennaro, Rosalia e Francesco Saverio. Il dipinto murale è l’ultimo rimasto di vari affreschi che tra il 1657 e 1659 Mattia Preti realizzò sulle 7 porte di Napoli all’epoca ancora esistenti. Un ex–voto offerto dalla città per la fine della spaventosa epidemia di peste che colpì Napoli nel 1656.

Il restauro è stato possibile grazie alla partecipazione di soggetti pubblici e privati che hanno collaborato per restituire il capolavoro alla città. Il lavoro è stato seguito dalle funzionarie Laura Giusti, storico dell’arte, e Barbara Balbi, restauratrice. Il restauro è stato tutto finanziato e sponsorizzato da AReN Associazione Restauratori Napoletani; dall’Associazione Friends of Naples, un gruppo di imprenditori napoletani che intervengono a supporto delle istituzioni per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, dall’ACEN Associazione Costruttori Edili Napoli e dal FAI Campania.

Porta San Gennaro, la porta di Napoli più antica tra le esistenti

Porta San Gennaro, si trova a Piazza Cavour, di fronte all’inizio della zona dei Vergini ed è la più antica ancora esistente. Costruita nella prima metà del X secolo fu poi spostata in avanti più volte seguendo l’espansione delle mura cittadine. Fu chiamata così perché da li partiva la strada, fuori le mura, che portava alle antiche Catacombe di San Gennaro nella zona di Capodimonte. Oggi di fronte ci sono la zona dei Vergini e l’ingresso al Rione Sanità.

Sopra la porta c’è l’unico affresco realizzato da Mattia Preti ancora rimasto dei 7 realizzati sulle porte napoletane tra il 1657 e 1659.  Successivamente sulla porta fu aggiunto anche il busto di San Gaetano.

Nell’affresco di Mattia Preti, nella zona alta, la Vergine col Bambino domina il centro della scena e poggia su una falce di luna ed è accompagnata nella sua intercessione per la salvezza della città dai Santi Gennaro, Francesco Saverio e Rosalia. Nella parte bassa vengono riportati i terribili flagelli subiti dal popolo.

Leggi la storia delle Porte d’accesso alla città di Napoli: Le quattro antiche Porte d’accesso alla città di Napoli

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend