La splendida Villa Rufolo a Ravello è di nuovo visitabile

villa-rufolo-ravello-2.jpg

Villa Rufolo, il gioiello della divina costiera amalfitana, riapre al pubblico che potrà visitarla nei soli spazi all’aperto e seguendo un percorso obbligato.

 

Anche la splendida e panoramicissima Villa Rufolo a Ravello riapre al pubblico, come gli altri musei e luoghi d’arte e cultura in Italia, dal lunedì al venerdì, con orario continuato dalle 9.30 alle 15.30 con ultimo ingresso alle ore 15. Il sabato e la domenica, come gli altri luoghi d’arte, rimarrà chiusa al pubblico.

Villa Rufolo ha riaperto le sue porte al pubblico mercoledì 27 gennaio con un percorso di visita che al momento è previsto solo all’aperto ed a senso unico obbligato e anche qui ci saranno da rispettare le regole in vigore che prevedono misurazione della temperatura all’ingresso, obbligo di mascherina e distanziamento tra i visitatori

I biglietti d’ingresso costano a 6 euro o 5 euro per i bambini tra i 5-12 anni, per gli over 65 e per gruppi di 10 persone. Per i gruppi, tra i 5 e le 10 persone max,  ci sono delle regole di ingresso e la prenotazione obbligatoria con almeno 72 ore di anticipo.

Villa Rufolo e i suoi giardini: uno dei luoghi più belli della divina costiera

Villa Rufolo è un vero gioiello della divina costiera amalfitana, e si trova nel centro storico di Ravello, di fronte al Duomo nella piazza del Vescovado.

La villa è situata in un grande parco che si potrà visitare con la riapertura e dove è possibile ammirare un panorama mozzafiato sulla divina costiera.

La Villa è un edificio costruito in origine nel 1200 e ristrutturato e ampliato nell’800 e apparteneva in origine ai Rufolo, ricchi commercianti dell’epoca. Dopo vari passaggi verso la metà dell’Ottocento fu venduta al Lord scozzese Francis Neville Reid che la ristrutturò nel modo in cui la conosciamo oggi.

All’esterno dell’ampio parco c’è la Torre Maggiore alta 30 metri, che di recente è stata ristrutturata ma che in questi giorni non è visitabile dal pubblico, ed il bellissimo chiostro moresco a doppio ordine di colonne con particolari decorazioni arabo-sicule.

 

La villa è famosa anche per la visita nel 1880 del celebre musicista Richard Wagner che qui immaginò il giardino di Klingsor nel secondo atto del Parsifal.

Nella villa dal 1953 si svolge il straordinario Ravello Festival, uno dei festival italiani di musica più famosi al mondo in cui c’è il bellissimo “concerto all’alba”.

Tutte le informazioni per l’accesso alla villa e al parco  – Fondazione Ravello – tel 089857621)

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend