La Villa dei Papiri e gli straordinari tunnel borbonici che consentirono la scoperta di Ercolano: i video

villa-dei-papiri-ercolano-2.jpg

Il Parco Archeologico di Ercolano offre liberamente sui social dei video straordinari che ci svelano le sue tante bellezze. 

 

 

In attesa di poter vedere di nuovo da vicino i bellissimi siti archeologici della Campania, tra cui l’antica città di Ercolano, prima città individuata dai Borboni nel 1738, il Parco Archeologico di Ercolano ci propone due straordinari video.

Vedremo così i tunnel fatti scavare dai Borboni che consentirono la scoperta di Ercolano e che portano alla scoperta della famosa Villa dei Papiri, un luogo unico al mondo, così chiamata poiché al suo interno conservava una biblioteca con oltre milleottocento papiri.

L’antica Ercolano fu ritrovata casualmente a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709. Poi i Borbone vollero avviare ad Ercolano delle indagini archeologiche sistematiche che cominciarono nel 1738 per protrarsi fino al 1765. Furono così scoperti tanti capolavori ed iniziò l’epoca dei Gran Tour che portavano in Campania personaggi ricchi e famosi da tutto il mondo.

ercolano di sera

Gli scavi ripresero poi nel 1823 e si interruppero nuovamente nel 1875, fino allo scavo sistematico promosso da Amedeo Maiuri a partire dal 1927.

Gli straordinari Video del Parco Archeologico di Ercolano

I video che ci vengono proposti in questi giorni su facebook dal Parco di Ercolano riguardano i tunnel borbonici che hanno permesso la scoperta della straordinaria e unica biblioteca di papiri con 1800 pezzi rari e incomparabili.

Un patrimonio unico al mondo che potremo scoprire grazie a due video del Direttore del Parco di Ercolano

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata

1 Reply to “La Villa dei Papiri e gli straordinari tunnel borbonici che consentirono la scoperta di Ercolano: i video”

  1. Anna ha detto:

    Grazie! ci fate partecipi di tante bellezze altrimenti sconosciute.
    Speriamo di poterle presto guardare “coi nostri occhi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend