5 visite guidate a Napoli: weekend 2-3 aprile 2016

Visite-guidate-napoli-2-3-aprile-2016.jpg

Ancora un weekend con cinque interessanti visite guidate scelte tra le tante che ci propongono le varie associazioni che lavorano sul territorio. Tutte le settimana ci sono in città e nelle vicinanze interessanti visite guidate, a prezzi accettabilissimi nei luoghi più belli della Campania. Luoghi stupendi in cui verremo accompagnati da brave guide e storici dell’arte che ci illustreranno, con professionalità e passione, luoghi e storie della nostra terra.

Questa settimana appuntamenti tutti in città con sabato una proposta particolare per conoscere Giulia De Caro e la zona di Rua Catalana dove sorgeva il Teatro S. Bartolomeo che, prima del San Carlo, era il massimo teatro napoletano. Poi la bella e centrale via Costantinopoli con i suoi palazzi nobiliari e le chiese monumentali e, sempre sabato la splendida chiesa di Santa Maria Regina Coeli in largo Regina Coeli, sull’antichissimo decumano superiore dell’Anticaglia, con il suo il chiostro e la farmacia. Domenica una passeggiata pomeridiana per ripercorrere i luoghi più importanti dove si svolgeva a Napoli il mestiere più antico del mondo e poi la mattina una bella visita al Museo Nazionale ed alla mostra Mito e Natura.

Vi ricordiamo che è anche possibile fare una interessante visita guidata nel Museo del Sottosuolo di Napoli con la guida de “’O Munaciello” o un’altra alla Sanità, all’ampio e ben conservato tratto dell’Acquedotto Augusteocostruito nel 10 dC.

Chiedete sempre informazioni e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti.

Sabato 2 aprile – Alla scoperta di Giulia De Caro e della zona di Rua Catalana.

Rua Catalana napoli

Prezzo 8/10 euro. con Megaride. Un percorso storico-artistico che coniuga una parte del contesto architettonico e urbanistico napoletano con la figura di Giulia De Caro.  Giulia De Caro, detta la “Ciulla”, è tra le figure più interessanti del mondo femminile nel Seicento napoletano. Entrata nelle grazie di nobili di largo di Castello, Giulia De Caro si afferma come cantante e come imprenditrice divenendo impresaria del Teatro S. Bartolomeo che, costruito nel 1620 alle spalle della chiesa dell’Ospedaletto in via Medina, era a quel tempo il massimo teatro napoletano e tale rimase fino alla inaugurazione del S. Carlo.  Il percorso, attraverso documentazione dei diversi cambiamenti urbanistici nel corso dei secoli e attraverso un audio di musiche del Seicento che accompagnerà il visitatore, andrà ad analizzare tutta la zona di Rua Catalana dando, particolare importanza, alla Chiesa della Graziella, costruita sulla platea del Teatro San Bartolomeo,  aperta in via eccezionale per il presente percorso, proseguendo con la Chiesa della Pietà dei Turchini, nome derivato dalla tunica azzurrina dei bambini abbandonati che venivano istruiti soprattutto nell’arte, nella musica e nel canto, dove, tra gli allievi dell’istituto annesso,  vi fu anche Alessandro Scarlatti, Giovanni Paisiello e Giovan Battista Pergolesi e al cui interno vi sono straordinarie opere di Luca Giordano.

Appuntamento ore 16.30 piazza Bovio, lato Camera di Commercio prezzo € 10 uomini € 8 donne, soci € 8 uomini € 6 donne prenotazione obbligatoria a Megaride 3481149647

Sabato 2 aprile – I tesori nascosti di via Costantinopoli

via costantinopoli napoli

Prezzo 8 euro. con Assodipendenti. Un percorso inedito, alla scoperta di una delle strade più importanti del centro storico di Napoli, ricca di storia e di testimonianze architettoniche. Il percorso comprenderà in particolare la visita di un palazzo storico del ‘’500, che attualmente ospita l’“hotel piazza Bellini”. Il Palazzo neoclassico apparteneva alla Famiglia di condottieri albanesi Schanderberg. Con il recente restauro, tutti gli elementi d’epoca del palazzo sono stati alleggeriti e al contempo esaltati, grazie ai tocchi di design voluti dai giovani proprietari. Così, gli archi a volta delle sale e i busti in pietra del Settecento, dialogano con gli arredi moderni, come le poltrone Bubble Club e le sedie Louis Ghost disegnate da Philippe Starck per Kartell, in un’atmosfera che rimane sempre familiare e piacevolmente amichevole. La visita proseguira’ alla scoperta della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli. La costruzione della chiesa fu iniziata su una fabbrica preesistente nel 1575 ma nei primi anni del XVII secolo andò assumendo la forma attuale, in tipico stile barocco.

Appuntamento ore 10,15 ingresso della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli prezzo 8 euro, soci 6 prenotazione obbligatoria a Assodipendenti 081.6140920 dopo le 17,30 – 3386702541

Sabato 2 aprile – la chiesa di Santa Maria Regina Coeli,  il chiostro e la sua farmacia

Complesso di Santa Maria Regina Coeli

Contributo 6 euro. Con SireCoop. In largo Regina Coeli, sull’antichissimo decumano superiore dell’Anticaglia, c’è la chiesa di Santa Maria Regina Coeli. Ad accoglierci, insieme alla guida ci sarà una delle suore della ordine della Carità che dal 1810 gestiscono il complesso monastico. La fondatrice di quest’ordine è Santa Giovanna Antida Thouret (1765-1826), i cui resti mortali sono custoditi in un’urna di marmo della Chiesa stessa. La Santa originaria della Francia allargò la sua opera a Napoli, dove si dedicò alla formazione cristiana e civile dei giovani e alla carità verso i bambini abbandonati, i poveri e i malati. Presso il Complesso Monumentale è possibile visitare, oltre alla chiesa e al chiostro, la Farmacia da lei fondata. La fondazione del convento e della chiesa di Santa Maria Regina Coeli, più antica, si deve alle monache lateranensi agostiniane che, dopo aver abbandonato nel 1560 il loro originario monastero di vico Carboni, decisero di trasferirsi nel palazzo, un tempo del duca di Montalto, con il suo vasto giardino, nella piazza anticamente chiamata Capo de Trio. Prima tappa della visita del complesso sarà la chiesa: nonostante sia stata completata nel 1594, solo la facciata si mostra nella sua originaria e cinquecentesca semplicità. Al suo interno, invece, sono conservate opere che rappresentano tutte le epoche della cultura artistica a Napoli, dagli artisti attivi alla fine del ‘500, agli esponenti dell’ultima maniera, fino ad incontrare importanti esempi dell’arte del Seicento napoletano, con le opere di Stanzione e Giordano.

Appuntamento: ore 16,30 al largo Regina Coeli, su via Anticaglia, decumano superiore. Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente la visita. Contributo organizzativo: € 6,00 / soci € 5,00Info e prenotazioni: SIRECOOP  392/2863436

Domenica 3 aprile – Alla scoperta delle case chiuse nel centro di Napoli

case chiuse napoli

Contributo 7 € – Con Insolita guida – Un percorso veramente “inusuale”: “Il Peccato: quando le case erano … “chiuse”, ovvero una passeggiata narrata per riportare alla luce un aspetto spesso nascosto del nostro passato: le case chiuse, con la loro storia non certo piatta che inizia nel medioevo e arriva fino a metà del ventesimo secolo. Sfondo della passeggiata sarà un itinerario che farà ripercorrere i luoghi più importanti dove si svolgeva il mestiere più antico del mondo. Asse principale del percorso sarà la centralissima via Chiaia, all’epoca centro di eleganti e ricercate case chiuse, per poi passare alla confinante zona dei quartieri spagnoli, sede di numerosissime “case del piacere” improvvisate, dando così modo di confrontare due modi diversi di “offrire piacere”.  Si visiteranno anche alcuni ambienti dello storico Casino di Salita S. Anna di Palazzo detto anche “La Suprema” la più rinomata casa di Tolleranza della città, attualmente sede di un lussuosissimo hotel.

Appuntamento: alle 18,00 e dove verrà comunicato in fase di prenotazione. Contributo Intero € 7; Ridotto ( soci, studenti, over 65 ) € 5 Maggiori info e prenotazioni Insolitaguida 338 965 22 88

Domenica 3 aprile – Museo Archeologico Nazionale e la mostra “Mito e Natura

Museo Archeologico Nazionale Napoli – Storage

Contributo 5 euro. Con Heracles 2015. Uno dei templi dell’archeologia classica più importanti del mondo apre gratuitamente le sue porte al pubblico in occasione della prima domenica del mese di aprile. L’Associazione culturale Heracles 2015 organizza per il prossimo weekend una visita guidata presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: oltre alle sue collezioni permanenti, quali la Farnese, i mosaici, le pitture pompeiane e la sezione di Villa dei Papiri, sarà possibile visitare nel Gran Salone della Meridiana la mostra “Mito e Natura: dalla Grecia a Pompei”, inaugurata lo scorso 16 marzo dopo essere stata esposta nei mesi addietro presso il Palazzo Reale di Milano. Un excursus storico-archeologico, dunque, da non perdere assolutamente!

Appuntamento: ore 10,30 ingresso principale del museo. Biglietto gratuito. Contributo organizzativo di 5 euro. Prenotazione obbligatoria Heracles 2015  3480128461; 3384718164.

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend