Viaggio nella Napoli dei conventi e dei ritiri

Viaggio-nella-Napoli-dei-conventi-e-dei-ritiri.jpg

Sabato 19 Marzo 2016 ore 10.00 si svolgerà una bella visita guidata che ci porterà in una Napoli dei conventi e dei ritiri dove protagoniste indiscusse sono le donne. E tutto parte da una considerazione storica che voleva che nascere donna a Napoli nel XVI secolo significava andare incontro a tre tipi di destino: monacazione, matrimonio o perdizione. 

Questa premessa ci accompagnerà nel racconto della storia dell’antico Conservatorio dell’Arte della Seta, con la sua Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo, dell’Oratorio di correzione di Santa Maria della Fede e infine della Chiesa di S. Maria di Donnalbina. Quattro luoghi particolari di una Napoli del XVI che potremo vedere in questa bella visita guidata.

Il Conservatorio dell’Arte della Seta era riservato alle figlie degli appartenenti alle corporazione dell’Arte della Seta caduti in disgrazia. Il crescente prestigio della Corporazione, fondata nel 1477,  si concretizza nella realizzazione della Chiesa della Seta ovvero del Complesso dei SS. Filippo e Giacomo. Luoghi oggi visitabili grazie a un percorso di visita guidata esclusiva, realizzato dall’Associazione Respiriamo Arte che, ripercorrendo la storia della Nobile Arte, ci permetterà di conoscere  aree normalmente inaccessibili al pubblico: la zona degli affreschi di fine ‘500, la Sagrestia Settecentesca che custodisce le opere dei maestri intagliatori di legno del ‘700 napoletano ed esempi di arte serica seicentesca realizzati dalla corporazione.

Santa Maria della Fede, oggi della Fede “liberata”, è quanto resta di un seicentesco istituto per donne “che si levano dal pericolo”, di recente riaperto alla fruizione perché centro della attività di un comitato di quartiere che intende strapparlo all’oblio del tempo che passa.

la Chiesa di S. Maria Donnalbina chiude il percorso della particolare mattinata. Parte del monastero fondato nell’VIII secolo dalla figlia del duca di Napoli Stefano, divenne nel ‘500 il monastero più disobbediente della città. Nella zona dell’altare si possono oggi ammirare le tele del periodo più felice del grandioso Francesco Solimena.

Monache, figlie, prostitute e donne ai margini da proteggere, da recuperare, da controllare. Tre  luoghi per raccontare la loro storia, per dare voci a quelle donne destinate a intrecciare fili di seta e preghiere nel più rigoroso SILENZIO.

La trama del silenzio – visita guidata 

La visita si svolgerà Sabato 19 marzo 2016 e l’appuntamento è a Piazzetta Nilo alle ore 10. Il contributo organizzativo è di 10 euro a persona di cui ticket di 4 euro per la visita alla Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo. Il gruppo sarà di max 24 persone. La prenotazione è obbligatoria al num. 3472374210 

Da segnale una convenzione aperitivo con I LOVE Murtadell: a tutti i partecipanti che vorranno intrattenersi per l’aperitivo nei pressi della Chiesa di Donnalbina è riservata la possibilità di degustare: Panino I LOVE Murtadell + Busta di Taralli di produzione artigianale (rigorosamente senza olio di palma) + Acqua da 1/2 litro al costo speciale riservato ai soci locus iste di 4 euro

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend