Il Cristo Velato a Napoli: Storia, orari e prezzi

Lumen-la-mostra-sul-Cristo-Velato-Gratis-al-Maschio-Angioino-di-Napoli.jpg

Il Cristo Velato è un vero capolavoro dell’arte mondiale, una delle opere più suggestive al mondo.  Si trova al centro della navata della splendida Cappella San Severo di Napoli. La statua fu commissionata dal principe Raimondo di Sangro ad Antonio Corradini che però morì dopo aver realizzato il bozzetto che è oggi visibile al Museo di San Martino.

Il Principe chiamò pertanto un giovane artista napoletano, Giuseppe Sanmartino, per realizzare

una statua di marmo scolpita a grandezza naturale, rappresentante Nostro Signore Gesù Cristo morto, coperto da un sudario trasparente realizzato dallo stesso blocco della statua”.

Il Sanmartino non partì però dal bozzetto del Corradini e realizzò un grande capolavoro: un corpo avvolto in un velo attraverso il quale si vedono le ferite causate dai chiodi sui piedi, il costato scavato e tutta la sofferenza del Cristo. Si tratta indubbiamente di uno dei più splendidi capolavori dell’arte napoletana e mondiale.

Ci sono tante leggende che per secoli hanno accompagnato l’opera. Il Principe Raimondo di Sangro aveva fama di grande alchimista e su di lui si narrano numerose storie: una di queste riguarda il velo del Cristo.

Per secoli, molti di coloro che hanno visto la statua sono rimasti increduli davanti alla splendida trasparenza del sudario e lo hanno ritenuto frutto di un processo alchemico di marmorizzazione fatto dal principe: tale idea era rafforzata dal fatto che, scendendo nei sotterranei della cappella, si trovano due scheletri umani con l’intero sistema delle vene integro e visibile. La leggenda voleva che il principe avesse sperimentato su due servitori l’intruglio che pietrificò il loro sangue e che poi ripetè l’esperimento sulla statua del Sammartino creando il velo che ricopre il Cristo.

In realtà, nonostante la leggenda, è appurato che il Cristo velato sia un capolavoro interamente in marmo ricavato da un unico blocco di pietra.

Le leggende si perdono definitivamente a fronte dei documenti conservati presso l’Archivio Storico del Banco di Napoli, uno dei più importanti al mondo: tra le varie carte che dimostrano gli acconti concessi a favore del Sanmartino e firmati da Raimondo di Sangro ce n’è una in cui si legge esplicitamente: “E per me gli suddetti ducati cinquanta gli pagarete al Magnifico Giuseppe Sanmartino in conto della statua di Nostro Signore morto coperta da un velo ancor di marmo…”.

Orari di apertura e prezzi Cappella Sansevero

  • Orari – Tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00, ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. Chiuso il martedì
  • Prezzi – Biglietto ordinario: € 7,00. Ragazzi da 10 a 25 anni: € 5,00. Scuole: € 3,00 (solo nei giorni feriali). Bambini fino a 9 anni: gratis. Audioguida € 3,50

Contatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend