Due ‘Ferdinandi’ alla corte dei Borbone | Visita teatralizzata

Due-‘Ferdinandi’-alla-corte-dei-Borbone.jpg

Sabato 19 luglio 2014, alle ore 19, sarà possibile conoscere la Reggia di Quisisana di Castellammare con una nuova ed esclusiva visita guidata teatralizzata, con degustazione finale di prodotti tipici locali, proposta dall’Associazione Culturale NarteA.

La Reggia di Quisisana di Castellammare di Stabia fa parte delle ex dimore borboniche della regione Campania, un patrimonio culturale inestimabile della nostra terra. Sabato 19 luglio 2014 per la prima volta in assoluta si svolgerà una visita guidata teatralizzata che consentirà di aprire al pubblico questa dimora antichissima la cui struttura risale al 1200 e che fu rinnovata nel corso del Settecento da Ferdinando IV.

La visita teatralizzata, dal titolo Due Ferdinandi alla corte dei Borbone, è come al solito realizzata nel rispetto delle caratteristiche storiche, sociali e ambientali che da sempre contraddistinguono i lavori presentati dall’associazione NarteA e promuove questo prezioso sito campano.

Lo spettacolo è una vera e propria pièce teatrale scritta da Febo Quercia, art director di NarteA e farà rivivere i fasti di corte, ma anche le “scappatelle” del Re più discusso della storia del regno: Ferdinando IV di Borbone. La visita guidata teatralizzata renderà il pubblico-protagonista e lo farà immergere nell’atmosfera della corte borbonica, grazie all’equipe di attori professionisti, vestiti in abiti d’epoca. In scena ci saranno Antimo Casertano, Sergio Del Prete, Marianita Carfora, Roberto Albin, Annalisa Direttore, Andrea Fiorillo. Inoltre, la visita teatralizzata è realizzata in collaborazione con Libero Arbitrio e con il patrocinio morale del Comune di Castellammare di Stabia.

La Reggia di Quisisana di Castellammare di Stabia

reggia di quisisana castellammare di stabia indirizzo

Il complesso del Quisisana ha origini molto antiche ma solo nel 1541, quando cioè Castellammare di Stabia diventò loro feudo, passò nelle proprietà dei Farnese. Rimase abbandonata per anni e nel 1734 andò in dote al regno assieme alle altre proprietà delle madre di Carlo III. Nel 1758, con Ferdinando IV, iniziarono i lavori di restauro del Casino di Quisisana: fu ampliato e furono riuniti tutti i corpi di fabbrica in un’unica grossa struttura.

LEGGI ANCHE: Le Reali dimore Borboniche (Parte 1) – (Parte 2)

Poi nel 1790, con Ferdinando II, gli fu data una nuova struttura e fu creato un grande terrazzo. In questo periodo la reggia ebbe il massimo periodo di splendore raggiungendo i quasi 50.000 metri quadrati di struttura abitabile, su due livelli, con oltre cento stanze, due terrazze e una cappella. In quel periodo fu sistemato anche il bosco, abbellito con fontane, sedili in marmo, statue e belvedere, e con una chiesa, scuderie e alloggi per il personale. Nel periodo del Grand Tour il re vi organizzava spesso grandi feste a volte aperte anche alla cittadinanza.

Dopo l’Unità d’Italia la reggia fu depredata degli arredi e comunque passò ai Savoia fino al 1877 quando fu ceduta al comune di Castellammare di Stabia. Poi divenne albergo, Collegio militare, Ospedale e istituto agrario.

Due ‘Ferdinandi’ alla corte dei Borbone alla Reggia di Quisisana: prezzi, orari e date

  • Quando : Sabato 19 luglio 2014, alle ore 19
  • Dove: Reggia di Quisisana via Quisisana, Castellammare di Stabia 
  • Prezzo biglietto: quota di adesione è di € 15,00 a persona
  • Contatti e informazioni:   prenotazione obbligatoria ai numeri 339.7020849 o 334.6227785

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend