Contrordine: il museo Madre non chiude!

È la notizia che tutti aspettavano: il Museo MADRE  di Napoli non chiude. La Fondazione Donnaregina ha dato il lieto annuncio ed ha confermato anche tutti gli impegni programmati per il Museo. Probabilmente non si svolgerà solo la prevista performance di Rosi Rox «La Robe» in quanto stessa artista, a causa della temporanea chiusura dei giorni scorsi, non potuto effettuare le prove.

Le Istituzioni cittadine, a cominciare dalla Regione Campania, hanno assicurato il proprio impegno e al momento la chiusura è rientrata e così i temuti licenziamenti dei circa trenta giovani dipendenti. Approfittiamo dell’occasione per ricordare gli eventi in corso invitando gli amici di “Napoli da Vivere” ad effettuare una visita al museo dimostrando così la loro solidarietà a questa bella istituzione napoletana.

Le mostre in corso

Attualmente sono 4 le mostre e gli eventi in corso:

  • Fausto Melotti fino al 9 aprile 2012 grande mostra antologica dedicata a Fausto Melotti (Rovereto 1901 – Milano 1986) a cura di Germano Celant .
  • Costellazione Transavanguardiæ fino al 30 gennaio 2012 a cura di Achille Bonito Oliva, il critico che coniò il termine Transavanguardia e portò il gruppo di cinque artisti italiani alla ribalta internazionale.
  • Fino al 6 febbraio 2012 le opere dell’artista croata Andreja Kuluncic a cura di Radmila Iva Janković, Adriana Rispoli e Eugenio Viola.
  • Arte Povera più Azioni Povere 1968 fino al 20 febbraio 2012 a cura di Germano Celant e Eduardo Cicelyn nella chiesa trecentesca di Donnaregina Vecchia che ricorda, a distanza di quarant’anni, la mostra omonima svolta negli antichi Arsenali d’Amalfi. In esposizione opere di Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Marisa Merz, Giulio Paolini, Pino Pascali, Gianni Piacentino, Michelangelo Pistoletto, Gilberto Zorio.

[ad#Napoli-end]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend