Al Museo Madre due mesi di eventi con gli artisti per la mostra Rethinking Nature.

madre-napoli_rethinking-nature_7.-Tricky-Walsh-1400x933-1.jpg

Incontri con artisti che partecipano a Rethinking Nature, percorsi guidati ed esplorazioni “urbane” fuori dal museo, all’Orto Botanico di Napoli, assieme all’artista Maria Thereza Alves con botanici e storici e tanto altro al Madre, il Museo d’arte contemporanea di Napoli

 

 

Due mesi speciali quelli di marzo e aprile 2022 al Museo Madre, il Museo d’arte contemporanea Donnaregina a Napoli, con un public program gratuito organizzato nell’ambito della mostra Rethinking Nature.

Ci saranno infatti incontri con artisti, percorsi guidati ed esplorazioni “urbane” fuori dal museo  tra cui uno speciale ciclo di visite all’Orto Botanico di Napoli condotte dall’artista Maria Thereza Alves con botanici e storici,  in modo da approfondire i temi della mostra Rethinking Nature.

Per gli incontri l’ingresso al museo sarà gratuito, mentre le visite guidate alla mostra saranno incluse nel costo del biglietto.

Il programma degli eventi di Marzo e Aprile 2022 al Madre

  • Venerdì 4 marzo, alle ore 18.00, presso il Madre: l’artista spagnolo Fernando García-Dory, presenterà il progetto Aero.sol – shelter. An apiary for the Inland Village, commissionato per Rethinking Nature, insieme alle attività e la gestione di ecologie simbiotiche condotte da INLAND in un villaggio nella Cordigliera Cantabrica a Nordovest della penisola iberica. L’incontro sarà in lingua inglese, e sarà possibile accedervi fino ad esaurimento posti; l’ingresso al museo sarà gratuito.
  • Da venerdì 4 a domenica 6 marzo, si terranno alcuni seminari della INLAND Academy, un nuovo corso post-laurea incentrato su ruralità, arte e strategie di apprendimento collettivo, dedicato a 20 studenti provenienti da formazioni diverse.
  • Sabato 5 marzo, alle ore 11.00, sarà inaugurato il ciclo di visite guidate presso l’Orto Botanico di Napoli. Il primo tour, in cui l’artista Maria Thereza Alves sarà in discussione con Bruno Menale, ricercatore in etnobotanica e botanica sistematica nel Dipartimento di Biologia dell’Università Federico II, sarà incentrato sugli usi curativi e magico-religiosi delle piante nelle comunità rurali dell’Italia centro – meridionale.
  • Lunedì 14 marzo, alle ore 17.30, il Madre, in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, presenta la conferenza Two Clans | Weather Reports di Elizabeth A. Povinelli. L’incontro in lingua inglese, a cui sarà possibile accedere fino a esaurimento posti (ingresso gratuito al museo) e che sarà trasmesso anche in streaming sui canali social del museo. L’installazione Weather Reports (2021), commissionata per Rethinking Nature, è composta da dei disegni a parete che sintetizzano cinque secoli di storia per evocare i drammatici sconvolgimenti ecologici e cartografici con cui l’Europa ha affermato il proprio controllo sul destino di territori, terre e popoli.
  • Giovedì 17 marzo, alle ore 18.00, appuntamento con una visita guidata alla mostra Rethinking Nature condotta dalla direttrice artistica del museo Madre Kathryn Weir. Un percorso in cui saranno poste in evidenza le connessioni tra le differenti pratiche artistiche esposte, le tematiche che sottendono al progetto e l’articolazione di vocabolari creativi sperimentali volti a produrre forme alternative di conoscenza e di pratica sociale incentrate sull’ecologia politica.
  • Sabato 19 marzo, alle ore 11.00, secondo appuntamento con il ciclo di visite presso l’Orto Botanico: Maria Thereza Alves proporrà una rilettura della storia dell’Orto Botanico e della formazione della sua collezione, raccontata dal professore di Botanica Sistematica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II Paolo Caputo, in conversazione con Iain Chambers.
  • Domenica 20 marzo, alle ore 11.00, una nuova occasione per la scoperta delle opere e delle riflessioni in mostra attraverso una visita condotta dall’assistant curator Pietro Scammacca, al percorso espositivo Rethinking Nature, che include più di 50 opere realizzate da oltre 40 artisti e collettivi provenienti da 22 paesi, tra cui 15 nuove produzioni presentate in anteprima internazionale.

Alcuni appuntamenti di Aprile 2022

  • Saranno tre gli appuntamenti che consentiranno di approfondire il rapporto della città di Napoli con le sue acque: Qui il link per prenotare per questi 3 appuntamenti
  • il primo, martedì 5 aprile dalle 17.00 alle 20.00, con punto di incontro presso il Molo Beverello, condotto da Daniela Allocca – PhD, scrittrice, curatrice e ricercatrice indipendente – e Gaia Del Giudice – co-curatrice del ciclo di camminate urbane “Eco*Walking” e dottoranda in Urban and Regional Planning all’Università Federico II di Napoli -, declinato sul tema della “presenza”. Il secondo appuntamento, incentrato sulla “relazione”,
  • giovedì 28 aprile dalle 15.00 alle 18.00, secondo appuntamento con punto di incontro presso la Stazione Zoologica Anton Dohrn, e sarà condotto da Daniela Allocca, Gaia Del Giudice e Daniele Valisena, storico ambientale, post-doc presso l’Università di Liegi, Belgio e insegnante di “storia ambientale delle migrazioni alla New York University, sede di Firenze. Il tour costeggerà la frontiera mobile che, nei secoli, ha costituito il luogo di contatto e strutturato le relazioni socio-ecologiche tra città, mare e cittadini, per proseguire fino al Madre, dove, alle ore 18.00, si terrà la presentazione del volume “Trame. Pratiche e saperi per un’ecologia politica situata” (Tamu Edizioni, 2021), a cura di “Ecologie Politiche del Presente”. Il testo raccoglie, partendo da Napoli, narrazioni elaborate all’interno delle lotte per la giustizia ambientale nel Sud Italia e in tanti Sud del mondo, tra i movimenti sociali urbani, ecologisti, transfemministi e di difesa dei beni comuni.
  • sabato 30 apriledalle ore 10.30, terzo e ultimo appuntamento – declinando il tema dello “Svelamento”. Il percorso partirà dal Molo Carlo Pisacane per arrivare fino a San Giovanni a Teduccio, includendo un itinerario di circa 6 km, con ritorno con mezzi pubblici, e sarà condotto da Daniela Allocca e Daniele Valisena. Questo appuntamento prevede una sosta in spiaggia e si presume una durata più estesa per non privare i partecipanti della possibilità di cambiare ritmo e permanere più a lungo.
  • Giovedì 14 aprile, alle ore 18.30, appuntamento online con il webinar in lingua inglese che vedrà la partecipazione dell’artista Sandra Monterroso, in dialogo con la curatrice associata per la mostra Ilaria Conti. Sarà approfondita la modalità in cui Monterroso attinge alla cosmologia Maia per affrontare nella sua pratica artistica la storia dello sfruttamento coloniale del Guatemala, attraverso un uso performativo e simbolico del lavoro tessile, tradizionalmente femminile. Qui il link al webinar: 
  • Mercoledì 27 aprile, alle ore 18.00, la Direttrice artistica del Madre Kathryn Weir condurrà una visita guidata alla mostra Rethinking Nature. Qui il link per prenotare: 
  • Venerdì 29 aprile saranno previsti gli interventi di due artisti: alle ore 18.00 Sam Keogh sarà protagonista dell’incontro in lingua inglese “Ecofascismo e survivalismo”, mentre alle ore 19.00 Zheng Bo sarà online in collegamento con la Sala Madre del museo, da cui interverrà la Direttrice artistica Kathryn Weir per il talk in inglese “Make love, make kin”.

Maggiori informazioni – Museo Madre, il Museo d’arte contemporanea Donnaregina Napoli

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend