La spiaggia del Fiordo di Furore in Costiera Amalfitana riapre dopo 3 anni

furore-3.jpg

Un luogo straordinario che ci mostra tutta la bellezza della Divina Costiera Amalfitana

La piccola spiaggia del Fiordo di Furore è stata riaperta dai sindaci di Conca dei Marini e di Furore. La spiaggia era stata chiusa dal 2017 per un incendio che provocò danni al costone roccioso sovrastante con possibilità di caduta massi sulla spiaggetta.

Dopo tre anni sono stati completati i lavori di bonifica e messa in sicurezza del costone roccioso e l’intera area tornerà fruibile da sabato 11 luglio 2020.

Tuffi nel fiordo di Furore

Saranno ripristinate anche le scale che collegano il Fiordo alla spiaggia che furono bloccate da due muri di sbarramento per evitare gli accessi.

La spiaggia del Fiordo di Furore si trova a due passi da Praiano, altro posto incredibile della Divina Costiera Amalfitana, tra i comuni di Furore e Conca dei Marini e ogni anno, la prima domenica di luglio si tiene una gara di tuffi molto conosciuta.

Come arrivare al Fiordo di Furore e dove alloggiare

Furore è un luogo straordinario che ci immerge in un paesaggio unico e la piccola spiaggia si intravede da un ponte sulla strada davanti al borgo marinaro disabitato. Dalla strada statale ci sono le scale che portano alla spiaggia ma bisogna parcheggiare a Praiano e raggiungerla con una navetta o con i bus della SITA e poi scendere le tante scale fino a mare.

Un’ottima idea per godersi appieno la meravigliosa spiaggia di Furore è pernottare in uno dei caratteristici hotel, ville o bed & breakfast che sorgono tutt’intorno al fiordo. In questo modo si può raggiungere la spiaggia senza levatacce al mattino e godersi un’intera giornata sul mare dell’antico borgo. Se state cercando una struttura, vi consigliamo di scegliere tra quelle offerte da Booking.comtra ville con piscina a picco sul mare e caratteristici B&B c’è l’imbarazzo della scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend