Le Processioni del Venerdì Santo 2016 a Sorrento

processioni-venerdì-santo-sorrento.jpg

Un antico rito in Campania, tipico del periodo Pasquale, è rappresentato dalle “processioni del Venerdì Santo”, cerimonie rituali che si svolgono per strada e che vengono detti “misteri” e ricordano la Passione di Cristo. Si svolgono in vari centri della Campania il Venerdì Santo e ripercorrono una tradizione probabilmente importata dalla Spagna, in particolare dall’Andalusia.

Le processioni si tengono in tutta la Campania ma tra quelle più caratteristiche e conosciute del nostro territorio ci sono la processione bianca e la processione nera di Sorrento. Sono due cerimonie diverse e molto suggestive che richiamano in strada, anche di notte, migliaia di cittadini e di turisti.

Una è detta la processione bianca ed è la processione dell’Addolorata organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita di Santa Monica detta de’ Cinturati, mentre l’altra è conosciuta come la processione nera ed è quella del Cristo Morto, organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita della Morte sempre di Sorrento.  In entrambi i casi il corteo è aperto da una banda musicale che suona solenni marce funebri che accompagnano il lento cammino degli incappucciati. Ma il cuore delle processioni è il coro del Miserere in cui circa 200 cantori intonano in stile gregoriano i versi in latino.

Le processioni del venerdì santo si svolgono a Sorrento dal 1300. Già l’antica confraternita sorrentina dei “Battenti di Sant’Antonino” del 1378 le organizzava e i confratelli si flagellavano in segno di penitenza. Oggi le due processioni riempiono le strade di Sorrento di tantissime persone e di tanti fedeli anche di notte che aspettano il loro passaggio e poi seguono il corteo.

La Processione bianca o dell’Addolorata

processione dell'addolorata

Molto bella e suggestiva anche perché si svolge durante l’oscurità della notte è la Processione dell’Addolorata o della Visita ai Sepolcri. La processione inizia di notte nelle prime ore del Venerdì Santo per le strade del Centro e prevede il rientro in chiesa alle prime luci dell’alba. I partecipanti vestono un saio bianco con cinta nera e il volto coperto dal cappuccio. La processione è aperta da una banda musicale che suona celebri marce funebri e c’è un gruppo di circa 200 cantori che intona, su canti gregoriani, i versi in latino del salmo 50. Partecipano circa 500 figuranti illuminati da tante fiaccole che conducono la statua della Madonna Addolorata per le vie della Passione.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=itu0GPaVjGA[/youtube]

La Processione Nera o del Cristo Morto

La Processione Nera o del Cristo Morto

Tra le processioni della Settimana Santa che si svolgono a Sorrento forse la più solenne è quella che si svolge la sera di Venerdì Santo ed è conosciuta come quella del «Cristo Morto». Organizzata da molti secoli dalla Arciconfraternita della Morte di Sorrento, viene aperta dalla Banda Musicale che intona musiche funebri di Chopin cui seguono i confratelli completamente vestiti di nero col capo ricoperto dal cappuccio. Tra questi si alternano quelli che portano le funi e i flagelli con quelli che portano i lampioni. Il nero stendardo della Compagnia della Morte apre la sequenza dei Martìri confratelli. Segue il folto e suggestivo coro polifonico del «Miserere» .

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=bQ_057sSZdM[/youtube]

 [ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top