Happy Rock Café di Napoli festeggia 40 anni di Musica e buon cibo

happy-rock-di-napoli.png

Il 14 febbraio 2016 ha compiuto 40 anni ma non li dimostra. Parliamo dell’ ‘Happy Rock Café” il locale di via Bausan 51 che è li da “una vita” e più precisamente dal giorno di s. Valentino del ’76, il 14 Febbraio 1976.

A quei tempi era considerato un localeparticolare” in una Napoli abituata ai ristoranti tradizionali e alle pizzerie. Ed è stato senza dubbio il primo, seguito poi da tanti Pub, Birrerie, Paninoteche ecc., il primo locale “diverso” dove si trovava un’atmosfera particolare e rilassata, in cui chiacchierare tranquillamente di fronte a panini favolosi e tanta buona birra o ad una fonduta piena di formaggio.

In stile pub inglese, l’Happy Rock Café è rimasto uguale nel tempo ma si è completamente ristrutturato negli anni. Stessa porta esterna in stile Liberty e in legno ciliegio, luce soffusa e lampade a cera sui tavoli, ma impianto di ionizzazione, depurazione e climatizzazione dell’aria e tante, ma tante buone proposte “culinarie”

Quanti panini, molti e buoni, e tanti boccali di ottima birra e poi tantissime e mitiche fondute di formaggio, carne e perfino di dessert abbiamo mangiato all’Happy Rock. Negli anni poi i primi e i secondi, buoni e “abbordabili”. Ma l‘Happy Rock Café ha essenzialmente “creato”  la movida napoletana, quell’uscire per stradine piccole e strette del centro o della zona “buona” di Napoli, strade che di notte assumono altro aspetto diverso, più particolare e caratteristico.

Dopo qualche anno la stessa coppia di gestori, Luglio & De Pasquale, crearono l’Hard Rock Cafè in via Ascensione, in cui si vedeva Eugenio Bennato, Ernesto Vitolo e altri esponenti della buona musica napoletana e poi il City Hall, in corso Vittorio Emanuele rimasto aperto fino al 2001 in cui è passato addirittura Andy Warhol.

Un grande augurio dunque a Dino Luglio e Gennaro De Pasquale, i fondatori dell’ l‘Happy Rock Café per altri 40 anni di belle serate e di mitiche fondute nel primo locale che a Napoli ha portato l’atmosfera dei pub inglesi e creato la movida napoletana.

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend