“Il mare che bagna Napoli”: Visita Guidata alla Villa Reale

visita-guidata-villa-comunale-e-acquario.jpg

“La Villa Reale è senza dubbio la più bella e soprattutto la più aristocratica passeggiata del mondo”

Queste furono le parole di Alexandre Dumas che nel 1835 definì in questo modo quella che noi oggi conosciamo come Villa Comunale. La realizzazione della “villa” risale al 1780, quando per volere del re Ferdinando IV di Borbone iniziarono i lavori del Real Passeggio di Chiaia un luogo ameno sul mare e ricco di alberi, dove il Re e la nobiltà napoletana potevano passeggiare e ritrovarsi in tutta di tranquillità.

Ferdinando IV si ispirò alle “Tuileries” parigine per questo nuovo luogo di ritrovo proprio sul mare e con il Vesuvio di fronte. Il progetto fu affidato all’architetto Carlo Vanvitelli l’incarico di realizzare la Villa Reale. In origine il giardino creato dal Vanvitelli andava dall’attuale piazza Vittoria fino alla Cassa Armonica e prevedeva, come i giardini francesi, viali alberati paralleli, con tante fontane e gruppi di statue a soggetto mitologico: era anche chiuso su tre lati con una alta e massiccia cancellata in ferro, alternata da pilastri in muratura.

Oggi la Villa occupa una superficie recintata di quasi 110.000 mq, e si estende tra piazza della Repubblica e piazza Vittoria con l’ingresso principale da piazza Vittoria, ma con alcuni varchi laterali d’accesso. All’interno della villa ci sono alcuni edifici, tra cui il Circolo della Stampa (in ristrutturazione), il circolo del Tennis e la stazione zoologica Anton Dohrn, che ospita l’Acquario più antico d’Europa.

La visita guidata

visita guidata all'acquario di napoli

L’Associazione culturale Locus Iste, sabato 5 ottobre 2013 alle ore 10.30, propone una visita guidata, dal suggestivo nome “Il mare che bagna Napoli” alla villa Comunale ed alla Stazione Zoologica Anton Dohrn. La Villa ha assunto l’aspetto attuale alla fine del secolo scorso, e tutti noi napoletani aspettiamo nuovi progetti che la “prolunghino” fino al mare dopo la chiusura al traffico di via Caracciolo.

“Camminando tra le piante incontreremo fontane, statue, edifici fino ad arrivare all’acquario della Stazione Zoologica Anton Dohrn e qui scopriremo che il mare che bagna Napoli è popolato da tante creature belle, misteriose e affascinanti.”

La visita dura 2 ore e prevede un contributo organizzativo di 5 euro e 1,50 euro per il biglietto d’ingresso alla Stazione Zoologica Anton Dohrn. L’appuntamento è previsto per le ore 10,30 presso l’ingresso alla Villa Comunale che da su Piazza Vittoria. La prenotazione è obbligatoria entro le 19.00 di venerdì 4 ottobre ed è possibile effettuarla ai numeri 3934684091/3478586475.

Foto 1 (CC) by Bruno A. De Santis | Foto 2 (CC) by claudiocosentino

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend