Naples Illegal tour: la visita guidata più sconvolgente di Napoli

Napoli, i luoghi cult dell’illegalità diffusa e della disubbidienza incivile generalizzata” questa è l’introduzione all’ultima arrivata tra le visite guidate a Napoli. In realtà è un progetto di ricerca  socio–ambientale dell’associazione culturale No Comment ma è anche una visita guidata gratuita e chi vuole partecipare può aderire via mail.

L’associazione non è politicizzata e la prossima uscita,  solo per chi è interessato veramente al progetto, è prevista per il 22 settembre 2012 dalle ore 10 alle ore 12. Sul loro sito le date delle visite escono ogni 15 giorni (alla fine dell’articolo ci sono i riferimenti). Per presentare il tour si parte dalla considerazione che sono circa 3mila i turisti, italiani e stranieri,  che ogni anno visitano le zone di Napoli che “rappresentano lo zoccolo duro della illegalità diffusa  e della disobbedienza incivile generalizzata”, zone che noi napoletani casomai cerchiamo di evitare. A questo punto l’associazione si offre di accompagnarli dando sul sito “le istruzioni per l’uso dell’Illegal Tour” con tanto di piantina e l’invito a consultarle. Ma vediamo questo giro “turistico” nella Napoli “illegale proposto dall’associazione Fotografia Sociale. Ve ne riportiamo una sintesi ma sul sito c’è tutto il dettaglio dei percorsi e dei consigli per il tour.

  • N’Kopp e mmure – La Malanapoli storica, tra paccottari, contrabbando e prostituzione – Vico Soprammuro, tutti i giorni, dalle 10 alle 13, super attività il sabato e nei festivi”. Parallelo a corso Garibaldi a Vico Soprammuro, ci sono vecchie pizzerie, caratteristiche pescherie e sigarette di contrabbando,  DVD falsi etc.. Su Porta Nolana prostitute anche di giorno. I negozi sono costretti a esporre la mercanzia in strada e uscendo su  Porta Nolana c’è il mercatino delle pulci dei rom.
  • O’ Buvero – 400 metri di contrabbando e suk alimentare  – Via San Antonio Abate, tutti i giorni, tra le 10 e le 14. Intasato il sabato e i festivi.” Si parla del Borgo di Sant’Antonio Abate . Da piazza Sant’Anna a Porta Capuana c’è la strada principale di circa 500m sulla quale si riversano una ventina di vicoli stretti. Tanti negozi e bancarelle con poco spazio per i pedoni e tante sigarette. Molti  borseggiatori, di tutte le etnie tra i negozi, quasi tutti di alimentari e abbigliamento. I prezzi di alimentari e vestiario sono in “offerta speciale permanente”.
  • A’ Duchesca –  I’ipermercato della contraffazione  –  Piazza Mancini –  tutti i giorni tra le 10 e le 13 – Gran movimento sabato e festivi” – La Duchesca è il mercato storico “particolare” conosciuto in tutto il mondo e per questo frequentato. C’è di tutto  dalle griffe false alla pelletteria alle calzature sportive, dall’abbigliamento casual ai DVD pezzottati. Il sabato e la domenica arrivano clienti da tutta la provincia, anche intere famiglie, coppiette e single. Niente borseggiatori  nel perimetro di vendita, tenuti lontani dagli stessi negozianti.

Se volete partecipare a questo particolare tour di Napoli basta mandare una mail, con la richiesta di adesione, all’indirizzo fotografiasociale@yahoo.it – Non è dovuto alcun contributo – sotto nessuna forma. Informazioni su http://www.fotografiasociale.it/Illegal%20Tour.htm

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top
Send this to a friend