Weekend: apertura straordinaria del Museo Ferroviario

Domenica 18 marzo 2012 in occasione della giornata conclusiva della manifestazione MozArt Box 2012 Winter ci sarà l’apertura dalle 9,30 alle 13,30 del Museo nazionale Ferroviario di Pietrarsa. Negli ampi spazi di Pietrarsa anche una esposizione di prodotti tipici regionali. Il prezzo di ingresso è di 3 euro (bambini fino a 8 anni gratuiti) e ne vale realmente la pena.

Il Museo si trova sul mare, con vista sul golfo di Napoli, lungo il corso San Giovanni a Teduccio accanto ai binari della Napoli-Portici (oggi linea per Salerno) la prima linea ferroviaria italiana inaugurata nel 1839. Nel Museo sono esposte, in suggestivi capannoni dell’ottocento, ben 26 locomotive originali a vapore, altre 8 elettriche, 5 locomotori diesel, e 2 elettromotrici ed in più 10 carrozze tra cui quelle reali. È esposta anche la storica locomotiva Bayard, primo treno funzionante in Italia nel 1839 sulla linea Napoli-Portici con tanto di carrozza di prima classe e due di terza classe con bagagliaio. Nel piazzale dell’Officina c’è la più grande statua di ghisa fusa in Italia alta ben 4,5 metri che immortala Ferdinando II di Borbone.

Il museo è un luogo straordinario e si trova nelle antiche officine borboniche (il Reale Opificio Meccanico e Pirotecnico) dove furono costruite le prime locomotive e carrozze ferroviarie in Italia: in seguito lo stabilimento di Pietrarsa fu utilizzato fino agli anni ’70 come officina di manutenzione delle Ferrovie dello Stato. Nel periodo borbonico l’Opificio era di grande importanza al punto da essere visitato dal Papa Pio IX e dallo Zar Nicola I di Russia che ne ricopiò il progetto realizzando il complesso industriale di Kronstadt che esiste tuttoggi. Grande oltre 36.000 Mq e dotato, per l’epoca, di moderne e importanti attrezzature di enorme rilevanza tecnica impiegò quasi 1000 persone e fu dotato anche di una “Scuola d’Arte” per la formazione sia di carpentieri e macchinisti che di ufficiali macchinisti.

Tra le locomotive, esposte nelle splendide officine dell’epoca, la locomotiva 740.115, che trasportò il corpo del Milite Ignoto a Roma, il magnifico treno reale con un salone arredato con un preziosissimo tavolo da pranzo per 26 persone realizzato con un unico pezzo di mogano. Da vedere assolutamente.

[ad#Napoli-end]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend