On The Road: Londra, I Musei da non perdere – Le MiniGuide di Napoli da Vivere

L’offerta museale londinese è molto vasta, ma soprattutto, molto ricca e variegata. La cosa più interessante è che nonostante la grandezza, in senso artistico, delle esposizioni, la maggior parte delle esposizioni permanenti dei musei londinesi sono ad entrata gratuita( sarebbe preferibile fare una donazione, ma non è un obbligo).

Di seguito troverete una selezione di musei che non dovreste perdere durante la vostra permanenza nella città della Regina.

National Gallery

E’ una delle gallerie più famose e prestigiose del mondo, l’edificio che la ospita domina con la sua bellezza Trafalgar Square, al punto da oscurare, secondo i Londinesi, la statua dell’ammiraglio Nelson, la quale troneggia in cima all’obelisco che si erge al centro della piazza. La collezione della National Gallery, tra cui va certamente menzionata “La Vergine delle rocce” di Leonardo da Vinci, offre una visione d’insieme unica sulla storia dell’arte europea dal XIII al XIX secolo. Ogni ala(wing) dell’edificio è dedicata ad un preciso periodo artistico, tuttavia, la numerazione delle sale non segue un ordine cronologico, quindi, la cartina è d’obbligo. Anzi, il consiglio è di munirsi di audio guida, anche considerando che l’entrata è gratuita. Se ne avete l’opportunità approfittate delle aperture notturne del mercoledì(Wednesday Late), lo spettacolo vi lascerà senza fiato.

L’opera da non perdere : I Girasoli di Van Gogh

Tate Modern

Da lontano, attraversando il Tamigi, vi sembrerà una vecchia fabbrica ristrutturata, sono certo. Beh, non ci siete andati molto lontano. La Tate Modern è ospitata all’interno di una centrale elettrica chiusa nel 1862 e divenuta museo solo nel 2000. Le opere che dimorano in questa galleria coprono tutte le grandi correnti artistiche dal 1900 fino ai giorni nostri. Si va dal postimpressionismo al cubismo, dal surrealismo al minimalismo. Le opere sono organizzate secondo quattro tematiche artistiche chiave del XX secolo : Material Gesture è una sezione dedicata all’arte europea ed americana del dopoguerra, Poetry and Dream è la sezione dedicata al surrealismo, States of Flux abbraccia le tematiche del cubismo, futurismo e vorticismo, infine, Idea and Object è la sezione dedicata al minimalismo ed all’arte concettuale. Dimenticavo, anche qui l’entrata è gratuita!

L’opera da non perdere : I lillà d’acqua di Monet

British Museum

Ha la stessa popolarità della Regina, questo che è uno dei più ricchi ed antichi musei del mondo, forte dei suoi oltre 250 anni di storia. La collezione copre la storia di quasi tutte le culture e le civiltà passate ed odierne. Il museo ospita alcuni reperti di fama internazionale, come il fregio del Partenone ed una delle più vaste collezioni di mummie e sarcofagi conservati fuori dall’Egitto. Il museo si sviluppa su una lunghezza totale di 4km, e si dice che la sua visita meriterebbe un’intera settimana, proprio come per il Museo du Louvre di Parigi. Voi però avete altro da vedere qui a Londra, quindi procuratevi una cartina presso i vari punti di accoglienza situati nel cortile centrale e programmate la visita prima di iniziarla. Scegliete i capolavori da ammirare ed andate dritti all’obiettivo. Lo so, non si dovrebbe, ma il tempo è sempre poco durante i viaggi a Londra. Anche qui, ingresso gratuito.

L’opera da non perdere : la Stele di Rosetta, una pietra ritrovata nel 1799 nel delta occidentale del Nilo

Natural History Museum

South Kensington sta a Londra come il Museum Mile sta a New York, in pratica questo quartiere è il “regno dei musei”. Proprio in questo quartiere si erge il Museo di Storia Naturale, centro di assoluta rilevanza nel campo della tassonomia con oltre 70 milioni di esemplari. Il museo ha sede in uno tra gli edifici più belli di Londra, un palazzo che ricorda le chiese romaniche della Renania. Il palazzo è enorme, da vedere assolutamente sono le “Life Galleries”, le quali ospitano esposizioni su dinosauri, mammiferi, fossili marini ed ecologia. Ho bisogno di ricordarlo? Anche qui, ingresso gratuito.

L’opera da non perdere : Lo scheletro del T-Rex

Victoria & Albert Museum

Oltre 4 milioni di oggetti, che raccolgono e raccontano 5000 anni di storia, lo rendono il più grande museo del mondo dedicato alle arti applicate : ceramica, vetro, gioielleria, mobili, abiti ed accessori moda, tappeti, stampe, scultura, pittura, fotografia. I londinesi appassionati d’arte, soprattutto studenti, adorano frequentare il museo, disposto su 6 piani per oltre 10 km di gallerie, matita alla mano per riprodurre, seduti in terra, le sculture ospitate nel museo, oppure per assistere alle numerose attività artistiche organizzate dal museo stesso : conferenze, corsi di storia dell’arte, laboratori, sfilate, concerti.

Le collezioni sono allestite secondo tre macrosezioni : in ordine geografico(Europa, Asia), per epoca e per disciplina. Anche in questo museo la cartina è indispensabile e l’ingresso è gratuito.

L’opera da non perdere : I Cartoni di Raffaello Sanzio

[ad#Napoli-end]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend