4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend dal 22 al 25 aprile 2022

Basilica-della-Pietrasanta-LAPIS-Museum-sagrato-fiorito-1.jpeg

Ph Lapis Museum

Sempre in sicurezza le visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con tanti eventi interessanti, perlopiù all’aperto, per scoprire, con degli esperti, i luoghi più belli della nostra terra

 

Contenuto a pagamento

Anche per questo weekend dal 22 al 25 aprile 2022 ci saranno delle visite guidate in sicurezza nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni. Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra.

Chiedete sempre informazioni sulle misure specifiche che verranno applicate per rispettare le normative per l’emergenza e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti

Aperto tutti i giorni – Il LAPIS Museum attende i visitatori nel lungo ponte del 25 aprile

Ph Lapis Museum

Il percorso sotterraneo della Basilica della Pietrasanta, oggi LAPIS Museum, aspetta i visitatori per il ponte del 25 aprile, e lo fa all’insegna di quella storia che ha portato l’Italia alla Liberazione nel 1945. Un anniversario importante che lungo il Decumano Sommerso è implicitamente rievocato ogni giorno, attraverso il racconto di questi ambienti sotterranei che, proprio negli anni ’40, furono utilizzati come rifugio antiaereo, divenendo, per il popolo napoletano, uno straordinario strumento di resistenza e, soprattutto, di difesa. Erano migliaia i napoletani che, durante i bombardamenti, trovavano riparo in questi ricoveri. A rendere più vivo il ricordo di questi anni la proiezione di Gennaro e Michela, che intrattengono i visitatori con aneddoti e curiosità, mentre chiude questa parentesi storica l’immersiva Sala dei bombardamenti. Non solo storia bellica. Il percorso si apre con il Museo dell’Acqua e la millenaria storia di Napoli, che dal sottosuolo ha estratto il materiale, il tufo giallo, per costruire le tipiche case napoletane che caratterizzano i vicoli della città. Al piano basilica invece i visitatori troveranno Spellbound – Scenografia di un sogno, mostra d’arte che mette in relazione l’opera del maestro catalano Salvador Dalí e il re del brivido Alfred Hitchcok. L’arte e la storia passano anche attraverso gli ambienti, i cunicoli e le cisterne del Complesso della Pietrasanta.

L’evento è a cura di Lapis Museum a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento e sulle misure applicate per rispettare le normative per l’emergenza.

  • Appuntamento: tutti i giorni – aperto dalle 10.00 alle 20.00 Visite guidate alle ore 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18,30. – per il weekend è raccomandata la prenotazione. Per gruppi, uguali o superiori a 15 persone, è possibile richiedere un’apertura personalizzata,
  • Contributo: Ticket intero 10 euro x visita accompagnata in gruppo. Possibili sconti famiglia, gruppi e altre riduzioni
  • OrganizzazioneLapis Museum Prenotazione consigliata – Consigliate scarpe comode e un coprispalle per le cavità – info e prenotazioni +39 081 192 30 565 – (servizio WhatsApp sempre attivo) info@lapismuseum.com Lapis Museum
  • Maggiori InformazioniMuseo dell’Acqua e Decumano sotterraneo

Domenica 24 aprile – Le donne di Napoli

© Napoli da Vivere

Una visita guidata nel Centro Storico per conoscere le vite delle celebri protagoniste femminili del passato, quello della Napoli antica. L’itinerario sarà a passeggio tra i vicoli e le piazze del centro antico, attraversando secoli di storia, letteratura e leggende. Si parte nel mezzo del decumano maggiore in piazza San Gaetano, si proseguirà poi con i racconti delle storie di donne successe nei pressi della chiesa di San Lorenzo e di San Gregorio Armeno dove visse in convento, suo malgrado, Errichetta Caracciolo, costretta dalla madre alla monacazione, di cui riuscì a liberarsi rinunciando ai voti, per diventare un’attiva garibaldina. Lungo via dei Tribunali conosceremo altre storie tra cui quella di Matilde Serao, della “capozzella” Lucia, di Lucrezia D’Alagno, di Iside e di Diana, fino ad arrivare in piazza del Gesù.

L’evento è a cura di HOTC – Heart of the City a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento e sulle misure applicate per rispettare le normative per l’emergenza.

  • Appuntamento: – ore 10:15 a piazza San Gaetano – inizio visita 10,30 – Durata 2 h circa
  • Contributo: 10€ / ridotto junior da 12 a 17 anni 5€ / ridottissimo da 8 a 11 anni 3€ / gratuito fino a 7 anni – tour adatto a tutte le età – Guida Abilitata – supporto radio in collegamento con la guida
  • OrganizzazioneHOTC – Heart of the City – La prenotazione è obbligatoria – tel/sms/whatsapp: 3770994320 – email: info@heartofthecity.it
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale  HOTC – Heart of the City

Sabato 23 aprile – Le origini di Neapolis: tour del centro storico con Cappella Sansevero

Conoscete le origini di Napoli? La città greco-romana, oggi nota come “centro antico”, trova le sue origini nel V sec. a.C., quando fu fondata secondo uno schema ippodameo, un incrocio tra cardini e decumani, circondato da mura, con delle porte. La chiamarono Neapolis, “città nuova“, perché “nuova” rispetto all’insediamento precedente, sul mare, dell’VIII sec. a. C. I decumani sono tre: quello superiore, l’Anticaglia, nell’antichità zona di teatri; il decumano maggiore, con l’antico foro e le chiese gotiche, e quello inferiore, Spaccanapoli, che taglia in due la città. Visitiamo la Cappella del Tesoro di San Gennaro all’interno del Duomo di Napoli, il Chiostro maiolicato della Basilica di Santa Chiara e la Cappella Sansevero, con il Cristo Velato di Giuseppe Sammartino.

L’evento è a cura di Erika Chiappinelli, guida turistica abilitata a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento e sulle misure applicate per rispettare le normative per l’emergenza.

  • Appuntamento: – ore 15, piazza del Gesù, accanto all’obelisco dell’Immacolata, durata: tre ore
  • Contributo: 15 euro a persona (biglietti di ingresso della Cappella del Tesoro di San Gennaro, del Chiostro di Santa Chiara e di Cappella Sansevero esclusi).- ragazzi da 8 a 15 anni: 10 euro a persona, biglietti di ingresso esclusi.- A chi non riesce ad acquistare i biglietti di cappella Sansevero perché terminati, verrà riconosciuto un piccolo sconto sul tour.
  • OrganizzazioneErika Chiappinelli, guida turistica abilitata – La prenotazione è obbligatoria entro giovedì 21 aprile alle ore 23: inviare una mail a erika83e@gmail.com o contattare telefonicamente (anche sms o whatsapp) il numero 3492949722 – Fornire nome, cognome e recapito telefonico. Mascherina obbligatoria e obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi e in situazioni di assembramento. 
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale  Erika Chiappinelli, guida turistica abilitata

Lunedì 25 aprile – La bellezza neoclassica di Villa Pignatelli

© Napoli da Vivere

Villa Pignatelli è uno dei rari esempi di architettura neoclassica a Napoli. Una villa che è una vera e propria casa-museo, in cui ambienti e collezioni sono pressoché rimasti inalterati grazie alle decorazioni e all’arredo che sono stati conservati integralmente al piano terreno. Villa Pignatelli  è ricca di mobili ottocenteschi, fini pezzi di argento e tantissime porcellane di tutte le principali manifatture europee. La bella villa ospita il Museo delle Carrozze   che era in origine la donazione del marchese Mario D’Alessandro di Civitanova rimessa in forma museale nel 1975 da Ezio Bruno De Felice nelle ex scuderie della villa. Oggi il nuovo spazio museale ospita ben trentaquattro esemplari di carrozze e calessi di produzione francese, inglese e italiana ma anche con in più numerosi “accessori”, come si direbbe oggi, tra finimenti in cuoio, fruste, frustini, morsi, accessori e capi di abbigliamento, che testimoniano la pregevole qualità raggiunta dagli artigiani napoletani dell’Ottocento.

L’evento è a cura di Megaride Art a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento e sulle misure applicate per rispettare le normative per l’emergenza.

  • Appuntamento: – ore 11 ingresso Museo Villa Pignatelli via Riviera di Chiaia 200 Termine ore 12,45 – 13 circa
  • Contributo: 12 euro a persona + 5 euro ingresso Museo
  • OrganizzazioneMegaride Art – obbligo Green Pass, Mascherina FFP2, gel disinfettante Prenotazione obbligatoria 348 114 9647 gradita via mail info@megarideart.com 
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale Megaride Art

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend