Napoli si candida a Capitale italiana del libro 2021

Salone-del-Libro-2018-di-Napoli-al-Complesso-di-San-Domenico-Maggiore.jpg

Il Comune di Napoli candida la città a “Capitale italiana del libro” presentando un progetto dal titolo “BiblioCity, Napoli che legge, che narra, che scrive, che ascolta”

 

 

 

La città di Napoli si candida a “Capitale italiana del libro” per il 2021 con un progetto, presentato dal Comune di Napoli dal titolo “BiblioCity, Napoli che legge, che narra, che scrive, che ascolta”. Il progetto prevede di far coinvolgere le varie attività e grandi eventi, che si svolgeranno in città, verso attività legate alla lettura, con il tradizionale appuntamento del Maggio dei Monumenti tutto dedicato al libro.

Nel progetto del Comune l’idea di fondo è di far riscoprire luoghi della città alla luce del legame profondissimo con la letteratura moderna e contemporanea napoletana.

Ogni mese, poi, anche i vari ed importanti eventi che si terranno e che coinvolgeranno tutta la città, saranno orientati al tema come l’appuntamento con gli innamorati di Napoli di Febbraio, che sarà dedicato ai percorsi letterari o al Marzo delle donne che sarà dedicato alla letteratura al femminile.

E poi, via via, non mancheranno appuntamenti in autunno dedicati alla scrittura per il cinema o a Natale con il teatro dedicato alle letture per l’infanzia.

Un’iniziativa che coinvolge tutta la città

All’iniziativa hanno anche aderito tantissimi scrittori tra cui Erri De Luca, Maurizio De Giovanni, Diego De Silva, Alessio Forgione, l’Associazione di scrittori e scrittrici “l’Altra Galassia” tra cui figurano Valeria Parrella e Massimiliano Virgilio.

Non mancheranno all’appello anche gli editori con i grandi nomi cittadini di Colonnese, Guida Editori, Polidoro, Homo scrivens, Valtrend, InKnot, Langella, Martin Eden e le piccole case editrici come la Dante&Descartes, che viene dal recente straordinario successo del Nobel per la letteratura, la giovane Marotta&Cafiero che lavora a Scampia e tante altre.

Hanno aderito all’evento anche i principali poli museali della città, gli istituti di studio e di ricerca, la Città metropolitana di Napoli, l’Arcidiocesi, l’Accademia di belle Arti.

Tutti assieme faranno la loro parte per favorire la candidatura per questo grande evento che vede la partecipazione di tutto il mondo della cultura per candidare la città di Napoli a Capitale italiana del libro” per il 2021.

© Napoli da Vivere – riproduzione riservata

1 Reply to “Napoli si candida a Capitale italiana del libro 2021”

  1. Carlos Martian ha detto:

    Napoli si candida a capitale del libro, qui aggiungo mie ragioni di sostegno.
    La città di Napoli si candida a “Capitale italiana del libro” per il 2021 con un progetto presentato al Comune di Napoli dal titolo “BiblioCity, Napoli che legge, racconta, scrive, ascolta”
    Le mie radici vengono da Marina di Fuscaldo.
    Mio nonno è partito dal porto di Napoli accompagnato da uno stormo di rondini che tornano sempre.
    Le rondini ballano e scrivono nel sud. Scrivono e ballano ogni primav…

    https://carlosmartian.blogspot.com/2020/10/napoli-si-candida-capitale-del-libro.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend