Visita guidata alla Napoli Medievale: lo splendore dei secoli bui

Santa-Restituta.jpg

Una visita particolare che consentirà di conoscere la storia di Napoli dall’età tardo antica al basso medioevo, un’epoca poco nota ma che vide all’opera in città intellettuali ed artisti del calibro di Petrarca, Boccaccio, Tino di Camaino, Giotto, Simone Martini e tanti altri.

 

 

Si terrà Sabato 4 luglio alle ore 10.30 un itinerario di visita, curato dall’Associazione Archeologia a Napoli, che ci porterà alla scoperta della storia di Napoli dall’età tardo antica al basso medioevo.

Un itinerario bello e particolare che sarà dedicato alle importanti basiliche paleocristiane di San Severo, Santa Restituta con il battistero di San Giovanni in Fonte e San Lorenzo e alla loro evoluzione nel corso dei secoli.

Partendo da piazza Crocelle ai Mannesi, dove si trova la Chiesa di S. Giorgio Maggiore, ripercorreremo la storia di una Napoli poco nota. Seguendo le tracce dei primi Cristiani attraverso i monumenti si giungerà fino allo splendore della Napoli trecentesca. Un’epoca felice per la città che vide all’opera intellettuali ed artisti del calibro di Petrarca, Boccaccio, Tino di Camaino, Giotto, Simone Martini e tanti altri.

L’evento è curato dall’Associazione Archeologia a Napoli che si avvale di un team di professionisti dei beni culturali, abilitati alla professione di guida turistica. All’Associazione si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento e sulle misure applicate per rispettare le normative per l’emergenza

Visita guidata alla Napoli Medievale: prezzi, orari e date

  • Quando: Sabato 4 luglio alle ore 10.30
  • Dove: piazza Crocelle ai Mannesi, davanti alla Chiesa di S. Giorgio Maggiore
  • Prezzo biglietto: contributo di partecipazione 10 € – Gruppo massimo 15 persone
  • Contatti e informazioni: Prenotazione obbligatoria 3494570346info@archeologianapoli.com   
  • Evento ufficiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend