La vita bugiarda degli adulti: anche l’ultimo libro di Elena Ferrante è ambientato a Napoli

la-vita-bugiarda-degli-adulti-elena-ferrante.jpg

Arriva in libreria l’ultimo libro della Ferrante e così come nell’Amica Geniale anche nell’ultimo lavoro “La vita bugiarda degli adulti” c’è una donna che racconta in prima persona della sua adolescenza a Napoli stavolta al Vomero

 

 

La vita bugiarda degli adulti è l’ultimo libro di Elena Ferrante, la misteriosa autrice dei libri della quadrilogia de L’Amica geniale resa ancora più famosa grazie anche alla serie televisiva di successo in onda nel 2018 e prodotta dall’americana Hbo assieme alla RAI.

Ma prima del successo della serie TV i libri della Ferrante avevano già venduto oltre 12 milioni di copie in tutto il mondo, con traduzioni in cinquanta paesi.

In tutti i libri della misteriosa Elena Ferrante c’è sempre Napoli, probabilmente la sua città, che conosce e descrive benissimo. E se nell’Amica Geniale la Ferrante ha descritto la zona di Gianturco, ed altre del centro città, anche nell’ultimo lavoro “La vita bugiarda degli adulti” c’è una donna che racconta in prima persona della sua adolescenza a Napoli stavolta al Vomero, nella zona alta di San Giacomo dei Capri, al Rione Alto.

La trama di “La vita bugiarda degli adulti”

“La vita bugiarda degli adulti” è uscito in libreria giovedì 7 novembre 2017 e, a Napoli, alcune librerie sono rimaste aperte anche dopo la mezzanotte del giorno 6 per accontentare gli appassionati.

Stavolta la Ferrante non ambienta il romanzo nella periferia della città ma al Vomero e descrive la storia di Giovanna, una dodicenne che vive con i genitori professori di liceo, in una casa piena di libri. La protagonista è figlia unica e coccolata dai genitori: e da loro le viene chiesto solo di studiare perché è lo studio che ha permesso ai suoi di raggiungere il loro soddisfacente lavoro e di emanciparsi dal sottoproletariato.

Poi la Ferrante abilmente mischia tutte le carte e fino alla fine la storia appassionata si muove tra inganni e autoinganni. Vi diciamo solo che Giovanna ascolta, da una porta lasciata aperta per sbaglio, il padre che afferma che lei è destinata a diventare molto brutta come la zia Vittoria, sua sorella, una zitella che fa i servizi nelle case dei “signori”.

E Giovanna, nel periodo difficile della sua adolescenza, cercherà di scoprire se il suo destino sarà quello di diventare brutta e povera come sua zia Vittoria.

Il romanzo appassiona e ci racconta questa bella storia che corre dai dodici ai sedici anni di Giovanna, anni in cui la sua famiglia si divide e lei comprende che si può anche sopravvivere alle menzogne dei grandi.

Acquista su Amazon: Elena Ferrante, La vita bugiarda degli adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend