Apre al pubblico la Biblioteca del Museo Filangieri a Napoli

Museo-filangieri-duomo-napoli.jpg

Per la prima volta nella storia, la biblioteca del Museo Filangieri aprirà al pubblico e si potrà vedere il carteggio tra Gaetano Filangieri senior e Benjamin Franklin. Per l’occasione aprirà anche un nuovo e inedito percorso museale

Da venerdì 10 maggio 2019 sarà aperta al pubblico l’antica biblioteca del Museo Filangieri di via Duomo a Napoli e saranno visibili, per la prima volta, le preziose lettere scambiate tra il filosofo giurista napoletano Gaetano Filangieri senior e Benjamin Franklin.

Per l’occasione il Museo Filangieri aprirà al pubblico anche un nuovo percorso di visita, situato di fianco alla Biblioteca, contenente importanti quadri che si aggiungono così alla bella pinacoteca già visitabile.

la sala principale del museo finanzieri di Napoli

In questo periodo presso il Museo è visitabile anche una bellissima mostra dal titolo “Un Secolo di Furore, I Caravaggisti del Filangieri” ci consentirà di scoprire le bellissime opere della Scuola napoletana del Seicento e del primo Settecento conservate nel museo.

Il carteggio fra Filangieri e Franklin

Gaetano Filangieri senior era un illuminista carismatico ed ebbe una fitta corrispondenza con i più grandi filosofi, intellettuali e politici europei ed americani. Filangieri ispirò Benjamin Franklin circa l’esigenza del “diritto alla ricerca della felicità” come diritto inalienabile di tutti gli uomini, tanto che il principio fu inserito nella Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America.

La corrispondenza con Benjamin Franklin è conservata nell’Archivio del Museo Filangieri e sarà visibile nel nuovo percorso di visita.

Il Filangieri: il museo smontato e ricostruito

Il Museo Civico Filangieri è sito in via Duomo 288 che ha una particolarità forse unica al mondo. ll palazzo in cui è ospitato, il bellissimo quattrocentesco palazzo Como, nel 1881-82 fu smontato pezzo pezzo e poi ricostruito 20 metri più dietro per allinearlo alla nuova linea di strada disegnata per via Duomo durante il “risanamento”.

La nuova via Duomo infatti doveva essere una strada diritta e lineare che andava dal nuovo Corso Umberto I a via Foria in linea retta. Per tracciare la nuova strada furono abbattuti molti palazzi, smontato e ricostruito Palazzo Como e, addirittura abbattuta una navata della splendida chiesa  di Chiesa di San Giorgio ai Mannesi una della chiese paleocristiane di Napoli che nasconde uno splendido affresco di Aniello Falcone sotto un altro quadro. La storia più dettagliata del Museo Civico Filangieri e di palazzo Como la trovate sul nostro post   La storia del Museo smontato e ricostruito

Maggiori informazioni Museo Filangieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend