Mostra Gratuita per Scoprire la storia della SS. Annunziata di Napoli

Mostra-Gratuita-per-Scoprire-la-storia-della-SS.-Annunziata-di-Napoli.jpg

 

Dal 18 novembre 2017 al 20 gennaio 2018 a Napoli presso il bellissimo Complesso monumentale della SS Annunziata si terrà una interessante mostra fotografica, ad ingresso gratuito, dal titolo “Sguardi Non Indifferenti” che ci farà scoprire la grande storia della Real Casa Santa della SS Annunziata di Napoli, l’importante istituzione che dal XIV secolo accoglieva i bambini orfani o rifiutati dalle proprie stesse madri,

L’evento affronta due grandi temi quali “L’accoglienza, la cura e il maternage nella Real Casa Santa della SS Annunziata di Napoli – 1899 -2004” attraversi le foto di Angelo Antolino e Maddalena Curatoli a cura di Maria Pia Marroni  e la “La maternita’ adottiva da sentimento individuale a valore sociale” con un reportage fotografico a cura di Claudia Montella e Mara Petrone. Una mostra che da risalto al tema della maternita’ con tante foto di due epoche e di due modalita’ diverse, “in cui la maternita’ e’ espressione di solidarieta’, di accoglienza, di relazione sociale estesa.”

Le due interessanti sezioni fotografiche

L’evento presenta due sezioni in cui nella prima si ripropone, attraverso 34 fotografie storiche in bianco e nero, il percorso da Real Casa Santa dell’Annunziata, istituzione benefica e brefotrofio fino all’ultimo tratto di storia dell’Ospedale Pediatrico SS Annunziata. Le foto sono state restaurate e riprodotte da Angelo Antolino e Maddalena Curatoli,

Nella seconda sezione ci sono invece altre 34 fotografie che, attraverso reportage sul tema della maternità rappresentano “in maniera poetica e allusiva il valore della maternita’ adottiva, che trasferisce un desiderio individuale in una dimensione di valore sociale.” Tutte le fotografie saranno esposte con una didascalia trascritte anche in codice Braille.

Visite guidate al Complesso dell’Annunziata

Nel periodo della mostra ci saranno delle interessanti visite guidate al complesso monumentale, alla Rota e alla Basilica che verranno effettuate su prenotazione ai numeri 333 8877512 / 333 3851932, o via email a info@manallart.it

Nell’aula della Biblioteca Medica saranno esposti anche documenti dall’Archivio Storico dell’Annunziata, riguardanti il primo degli esposti e il più illustre di essi, lo scultore Vincenzo Gemito. Da vedere anche, nel Salone delle Colonne, le sculture di Riccardo Dalisi ispirate al tema dell’attesa e della maternità.

Sguardi Non Indifferenti: prezzi, orari e date

  • Quando: Dal 18 novembre 2017 al 20 gennaio 2018
  • Dove: Complesso monumentale della SS. Annunziata, via Annunziata,34 Napoli
  • Orari: dal lunedì al sabato ore 9.00 – 18.30 (ultimo ingresso).
  • Prezzo biglietto: ingresso  libero alla mostra   
  • Contatti e informazioni: (Na.Sc.eRe) 336.848532 – (D’altronde) 393.1489895
  • Maggiori informazioni 

 

2 Replies to “Mostra Gratuita per Scoprire la storia della SS. Annunziata di Napoli”

  1. laura buccino ha detto:

    Sono nata all’Annunziata, l’8 dicembre 1960 da una signorina il cui lavoro era fare le pulizie e che studiando e lavorando in 15 anni divenne prima Puericultrice, poi Vigilatrice d’Infanzia ed infine Caposala della 3a e 4a Divisione Scientifica.
    Buona parte della mia vita ha ruotato attorno all’Annunziata, ho frequentato là il Corso per Tecnico di Laboratorio di Analisi Chimico Cliniche e Batteriologiche, obbligata da una madre che non voleva saperne di Accademia di Belle Arti. Sono stata un pessimo tecnico di laboratorio, ma ho esposto i miei quadri nell’Ipogeo della SSAnnunziata, dopo circa 20 anni dall’ultima visita a Sorella Buccino sul lavoro, quando la vidi alla sua scrivania china sulle cartelle cliniche che metteva in ordine lei stessa, non fidandosi di nessun altro. Ogni tanto si alzava per dare un biscottino a Rosario Bevilacqua, un bambino spesso ospite del suo reparto. O mentre accarezzava un bebè idrocefalo, commuovendosi della sofferenza di quel bimbo, come di ogni bimbo malato.
    Ricordo il Dottor Lagonigro, Adelina Turco, Esca la sindacalista e tante infermiere, ausiliarie e la Direttrice(della quale non ricordo il nome, ma che mi verrà in mente non appena finito questo commento) e la Signora Anna Metinis, anche lei nata all’Annunziata e anche lei divenuta Caposala . E i miei insegnanti medici di reparti: i dottori Pignero, De Masi, Vetrella col quale condividevo la passione per i cani e tutti coloro che si chiedevano perché perdessi il mio tempo lì, cercando di diventare ciò che non sarei mai stata, invece di dipingere giorno e notte. Cosa che ora faccio, finalmente!
    Non ho mai dipinto l’Annunziata e me ne sta venendo il desiderio, La vasca dei pesci, la meridiana, lo scalone che portava al Laboratorio, la ruota degli esposti? qualcosa mi verrà in mente.

    1. Rino Mastropaolo ha detto:

      grazie del suo bel commento su questo vecchio post.
      qualora realizzi il suo quadro, se le fa piacere ci scriva,
      dedicheremo una storia a questa grande istituzione cittadina, citando i suoi ricordi e le immagini dei suoi lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend