La fermata della metro di Piazza Municipio apre ad Aprile

piazza-municipio-rendering-e1401883639482.jpg

Doveva aprire a dicembre 2014 la prima fermata della metro 1 a Piazza Municipio: poi il tragico incidente di settembre, costato purtroppo la vita ad un operaio impegnato nei lavori caduto da un’impalcatura. Come di prassi il cantiere fu messo sotto sequestro per consentire le indagini della magistratura e poi, pochi giorni, fa il dissequestro.

Ora i lavori sono ripresi e si prevede, per fine aprile, di aprire una prima uscita della Metro nella piazza centrale di Napoli. In primavera dunque i passeggeri potranno prendere la metro da un ingresso in via Medina e da un altro ingresso temporaneo di fronte all’hotel de Londres, attuale sede del TAR, il Tribunale Amministrativo.

piazza municipio scavi archeologici

Poi, probabilmente l’anno prossimo apriranno le uscite su in via Depretis ed un’altra nella stazione marittima. In quella occasione sarà anche disponibile un ascensore che dall’ingresso del Maschio Angioino porterà i visitatori alla zona archeologica quella dove sono state ritrovate le navi romane. Entro quest’anno è invece prevista l’apertura della piazza davanti a Palazzo San Giacomo su cui sarà disposta la fontana del Nettuno che finalmente troverà una collocazione definitiva.

Attualmente i treni già passano per la stazione Municipio ma non fermano perché è in allestimento e proseguono verso piazza Garibaldi che raggiungono in pochi minuti. La fermata Municipio sarà uno snodo cruciale perché avrà, a regime, anche il terminal della linea 6 che collegherà Chiaia, la Riviera, Mergellina, Fuorigrotta e, un domani anche la nuova Bagnoli. Proprio per la linea 6 entro la fine dell’anno dovrebbe aprire anche la stazione di piazza San Pasquale, dove il cantiere è in via di ultimazione.

Con l’apertura della prima fermata a piazza Municipio si concluderà una tappa importante della Metro. Una Piazza fondamentale per la città che da poco ha restituito un’altra nave romana dal suo sottosuolo dopo le altre trovate in precedenza.  Un viaggio nella storia che in parte vi abbiamo già raccontato. Il cantiere, che è stato per anni il più grande scavo archeologico urbano, ha restituito alla città quasi 3.000 reperti di ottima qualità, tanto che è stato definito dagli archeologi che hanno lavorato allo scavo un vero e proprio “pozzo di San Patrizio” .

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend