Domenica: Visita guidata gratuita alla Villa Romana Di Ponticelli

villa-romana-di-ponticelli.jpg

Domenica 24 novembre 2013 dalle ore ore 9 alle ore 12,30 ci sarà un‘apertura straordinaria con visite guidate gratuite al sito archeologico della Villa Romana di Caius Olius Ampliatus a Ponticelli a cura dei volontari del GAN, il Gruppo Archeologico Napoletano

I resti della villa sono stati scoperti durante i lavori per la costruzione degli edifici destinati all’edilizia post-terremoto dell’80. In particolare la villa romana è stata ritrovata nel 1985 e scavata nel 1987 e nel 2007. Era una struttura rustica destinata alla produzione di vino ed olio e sono stati ritrovati i resti sia degli ambienti destinati alla produzione che di quelli destinati al soggiorno decorati con pavimenti a mosaico. La villa venne sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.,subendo la stessa sorte delle cittadine di Pompei, Ercolano e delle altre città vesuviane.

Gli scavi archeologici eseguiti alla fine degli anni ’80 portarono alla luce due ville romane di cui una di epoca repubblicana poi distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. ed un’altra che fu invece ricostruita nella stessa area dopo la tremenda eruzione fra il II e il V o VI sec. d.C. Entrambe erano ville rustiche, destinate cioè allo sfruttamento agricolo del territorio.

Villa Romana di Caius Olius Ampliatus

L’edificio è ben conservato ed è un interessante esempio di villa rustica, con locali destinati alla produzione dell’olio e del vino. Occupava una superficie di almeno 2000 mq e disponeva di un portico colonnato centrale che separava l’area destinata alla produzione da quella destinata. Ci sono ambienti dedicati alla lavorazione agricola, alla panificazione, ed altri per la lavorazione delle olive con tanto di torchio e vasche di decantazione per la produzione della pasta di olive. Ci sono anche ambienti destinati alla lavorazione dell’uva per la produzione del vino anche qui con un torchio e una vasca utilizzata per la fermentazione del mosto (lacus).

La villa fu abbandonata all’improvviso per l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e pertanto sono stati ritrovate tante suppellettili in uso nella casa al momento dell’eruzione. In un sotterraneo, sotto il locale del torchio vinario, è stato ritrovato anche un cadavere di un abitante che aveva cercato rifugio durante l’eruzione. Tra gli oggetti che la vittima aveva con sé, venne ritrovato anche l’anello con il sigillo dell’ultimo proprietario della villa, Caius Olius Ampliatus, discendente di uno dei veterani di Silla. Questi veterani nella prima metà del I sec. a.C. ebbero in uso, nel territorio vesuviano, molte terre per i loro servigi e divennero dei coloni.

Purtroppo le previsioni meteorologiche non sono delle migliori per cui in caso di pioggia, la Villa Romana di Ponticelli resterà chiusa e la sua apertura sarà rimandata a domenica prossima 1 dicembre. Info 3384031994- 0815529002 Non è necessaria la prenotazione.

[ad name=”Napoli-end”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

scroll to top

Send this to a friend