4 visite guidate a Napoli weekend 18-19 novembre 2017

Lo-scalone-del-palazzo-dello-Spagnolo.jpg

 

Sempre tante visite guidate nei luoghi più belli di Napoli con visite che ci faranno scoprire i posti più particolari e straordinari della città. Tutte di domenica le visite e si inizia con una interessante visita guidata alla mostra di Antonio Ligabue al Maschio Angioino oppure con una passeggiata per vedere una delle più belle chiese del Centro storico di Napoli, la chiesa dei santi Severino e Sossio. Sempre nel centro di Napoli una visita alla “Valle del tufo” il famoso Borgo dei Vergini e poi si esce dalla città per vedere i bellissimi sotterranei del Rione Terra a Pozzuoli con l’antica città romana. 

Gli eventi sono in genere proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra. Chiedete sempre informazioni e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro presentato. Molte associazioni effettuano più visite guidate nei weekend e telefonando potete chiedere informazioni su altri itinerari. Buon fine settimana a tutti.

Domenica 19 Novembre – “Napoli omaggia Antonio Ligabue”

Contributo 15 euro.  Con Megaride.  Napoli omaggia Antonio Ligabue con una straordinaria mostra nella Cappella Palatina del Maschio Angioino, in quella stessa Cappella dove secoli addietro ha lavorato Giotto, ma di cui rimane ben poco della sua maestria. Ligabue, il genio artistico istintivo, quel genio frutto di vicissitudini personali così palesemente presenti nella sua produzione.  Una produzione che parla di sé, che parla del suo animo. Una genialità artistica, quella di Ligabue, capace di trasformare gli incubi in incantate visioni colorate, gli ordinati filari di pioppi in giungle popolate da belve feroci. Tigri con le fauci spalancate, leoni nell’atto di aggredire una gazzella, leopardi assaliti da serpenti, cani in ferma e galli in lotta: predatori e prede, selvatici e domestici, sentiva gli animali come compagni, li comprendeva e li amava più degli uomini: e ad essi più che agli uomini, voleva assomigliare.informazioni mostra ligabue

Appuntamento: ore 10.00, termine visita ore 11.30 circa. Costo Soci Megaride, in possesso di Fidelity Card, € 13, non in possesso di Fidelity Card, € 15. Entrambi i costi sono comprensivi di biglietto ingresso Mostra, visita guidata e servizio whisper. Al fine di assicurare un gradevole incontro culturale, l’Associazione accetterà fino ad un massimo di 15 partecipanti. Informazioni e prenotazione obbligatoria Megaride 348 114 9647

Domenica 19 novembre – La chiesa dei santi Severino e Sossio e la fontana della Sellaria

Contributo 12 euro. Con Assodipendenti. Una interessante visita guidata ad una delle chiese più belle del centro storico di Napoli: la chiesa dei Santi Severino e Sossio. La chiesa con il monastero annesso fu fondata nel X secolo dai monaci Benedettini, i quali a causa delle incursioni saracene furono costretti ad abbandonare il loro vecchio Monastero situato sulla collina di Pizzofalcone. La sua struttura attuale venne realizzata a partire dal 1490 ma venne abbellita nel corso dei secoli da importanti artisti, tra cui Belisario Corenzio e Marco Pino. Al suo interno è possibile ammirare opere di enorme rilevanza artistica che vanno dal XVI al XVIII secolo, tra cui 374 m² di affreschi (seconda metà del ‘600), gli intarsi lignei ricchissimi (‘500) e i preziosi pavimenti cosmateschi. Inoltre, la chiesa ospita anche varie tombe gentilizie tra cui, nella Cappella Sanseverino, i sepolcri dei tre fratelli della nota famiglia napoletana che subirono una tragica fine per mano del loro stesso zio. La visita comprenderà anche una delle splendide fontane barocche della città di Napoli, la Fontana della Sellaria, situata nella vicina piazzetta del Grande Archivio, tornata di recente alla ribalta grazie alle riprese della serie televisiva “I Bastardi di Pizzofalcone”, che fu realizzata tra il 1649 e il 1653 ed originariamente ubicata in piazza della Sellaria pressoché in corrispondenza dell’attuale piazza Nicola Amore, ma poi spostata nell’attuale collocazione nel 1903 in seguito ai lavori del Risanamento.

Appuntamento: Ore 10,15 ingresso della chiesa in via Bartolomeo  Capasso, 22. Ore 10,30: inizio visita guidata. Durata: 90 minuti circa Contributo soci euro 10  comprensivo di biglietto d’ingresso. non soci euro 12 comprensivo di biglietto d’ingresso. Informazioni e prenotazione obbligatoria. Assodipendenti  3386702541

Domenica 19 novembre – La valle del tufo e altre storie del borgo dei Vergini

Contributo 10 euro. Con Locus Iste. Una interessante visita guidata dal lungo titolola valle del tufo e altre storie del borgo dei Vergini. Il borgo dei Vergini e l’acquedotto del Serino” che ci porterà in giro nel Borgo dei Vergini, per scoprire Porta San Gennaro, il Palazzo dello Spagnuolo, il Palazzo Sanfelice, la Chiesa di Santa Maria dei Vergini e l’Acquedotto del Serino. Questo acquedotto è stata un’opera di mirabile perizia ingegneristica che doveva servire a soddisfare le necessità dell’apparato militare augusteo di stanza a Miseno. Un percorso di quasi 100 km che da Serino in provincia di Avellino giunge , passando per Napoli, sino a Bacoli. Il suo percorso in città non ha ancora avuto una mappatura definitiva e sembra talvolta riemergere a tratti, sbalordendoci come quando varie Associazioni si sono imbattuti in una struttura di laterizio…che scavando ha restituito dopo 4 anni un tratto dell’acquedotto sotterraneo. E’ successo in uno dei palazzi nobiliari del Borgo dei Vergini che visiteremo insieme per scoprirne i segreti nascosti, gli incantevoli palazzi rococò e le chiese in cui la devozione verso il santo protettore, San Vincenzo Ferrer, è ancora vivissima.  E dopo scenderemo sottoterra fino al I sec. a.c. In un attimo un viaggio nel Tempo del borgo di accesso alla cosiddetta Valle del Tufo.

Appuntamento: ore 10.00 a Porta San Gennaro,  Durata: 2 ore circa Quota sociale di 13 euro che comprende il biglietto di accesso al sito Acquedotto augusteo del Serino. Informazioni e prenotazione obbligatoria Locus Iste 3472374210 

Domenica 19 novembre – Rione Terra: viaggio nella Puteoli romana

Contributo 10 euro. Con Sire Coop. Una visita speciale alla scoperta delle bellezze dell’antica città di Pozzuoli. L’itinerario partirà dalla cattedrale del Rione Terra, riaperta dopo cinquant’anni dall’incendio che nella notte tra il 16 il 17 maggio 1964 la distrusse completamente. Dopo il lungo restauro e si possono ammirare i capolavori contenuti nella basilica dedicata ai santi Procolo e Gennaro. All’ingresso della cattedrale spuntano le colonne dell’antico tempio di Augusto, del I secolo d.C., recuperate dopo l’incendio del ’64. La visita proseguirà con il Percorso Archeologico Sotterraneo grazie al quale scopriremo inaspettate bellezze. Un luogo strategico, posto in posizione sopraelevata allo scopo di tenere sotto controllo il territorio circostante sia nelle rotte marittime che in quelle terrestri, fu abitato sin dal II secolo a.C., ma è in epoca romana, al tempo di Augusto, che Puteoli, rappresenterà un importante crocevia di traffici commerciali, diventando una “parva Roma“, per la magnificenza e l’eleganza dei suoi edifici ai quali lavorarono maestranze sceltissime, formatesi direttamente sugli insegnamenti dei grandi cantieri augustei di Roma.

Appuntamento: ore 10:00 monumento ai caduti subito dopo il cinema Sofia (via Carlo Maria Rosini, 12). Possibilità di parcheggiare presso il parcheggio di Villa Avellino che si trova subito dopo il Monumento ai Caduti, Pozzuoli. ore 12:00 – fine delle attività. Contributo organizzativo: euro 10,00 (biglietto di ingresso incluso). Informazioni e prenotazione obbligatoria  Sirecoop 392/2863436.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top