Cinema sperimentale d’Animazione all’Asilo Filangieri a Napoli

Cinema-sperimentale-d’Animazione-all’Asilo-Filangieri-a-Napoli.jpg

 

Sempre novità all’Ex Asilo Filangieri a San Gregorio Armeno a Napoli, il grande spazio aperto di gestione condivisa e partecipata di uno luogo pubblico dedicato alla cultura. Dal 31 ottobre al 12 dicembre 017 l’Asilo presenta “E ora qualcosa di completamente diverso” una interessante rassegna gratuita di “altro cinema d’animazione”.

Quattro belle serate, di martedì sera alle 21, che ci propongono proiezioni di cinema sperimentale e d’animazione che non vedremo mai nei grandi circuiti per ragioni di opportunismo economico. I cartoni animati non sono solo per bambini ed il cinema sperimentale non è solo per pochi eletti e c’è ne accorgeremo con “E ora qualcosa di completamente diverso” un evento che ci presenterà piccoli e grandi gioielli all’Ex Asilo Filangieri a San Gregorio Armeno a Napoli.

Risultati immagini per E ora qualcosa di completamente diverso” asilo filangieri

E ora, qualcosa di completamente diverso! – programma

  • Martedì 31 ottobre 2017 ore 21 – Harpya – di Raoul Servais (Belgio, 1979), 9’ + CC(Francia, 2007), 79’, v.o. sott.it
  • Martedì 14 novembre 2017 ore 21 – Food(episodio: Breakfast) – di Jan Švankmajer (Repubblica Ceca, 1994), 6’ + Mary and Max – di Adam Elliot (Australia, 2009), 88’, v.o. sott.it
  • Martedì 28 novembre 2017 ore 21 – In Absentia – di Stephen & Timothy Quay (Regno Unito, 2000), 20’ + Tapum! La storia delle armi di Bruno Bozzetto (Italia, 1958), 11’ + Rain Town di Ishida Hiroyasu (Giappone, 2011), 10’ + No 11 – Mirror animation di Harry Smith (Usa, 1957), 4’ + Peter & the Wolf di Suzie Templeton (Polonia, Regno Unito, Norvegia, Messico, 2006), 32’
  • Martedì 12 dicembre 2017 ore 21– Tango – di Zbigniew Rybczyński (Polonia, 1981), 8’ – + Le chat du rabbin di Joann Sfar e Antoine Delesvaux (Francia, 2011), 86’, v.o. sott.it

All’Asilo i concerti, gli spettacoli, le proiezioni, gli incontri sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata all’Asilo

.

 Maggiori informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top