o Cippo ‘e Sant’Antonio su N’Albero sul Lungomare di Napoli

o-Cippo-‘e-Sant’Antonio-su-NAlbero-sul-Lungomare-di-Napoli.jpg

17-1-17 – AGGIORNAMENTO – Causa pioggia, la festa di Sant’Antonio Abate protettore degli animali, si terrà Venerdì 20 Gennaio a partire dalle 18.30!

Nalbero sul lungomare di Napoli propone un nuovo evento che attirerà di sicuro tanti visitatori.  Il 17 gennaio a Napoli e nei dintorni, per la festa di Sant’Antonio Abate protettore degli animali, la tradizione vuole che si accendano dei falò in cui far bruciare roba vecchia di ogni genere per salutare l’anno concluso e dare il benvenuto all’anno nuovo. Il famoso “Cippo di Sant’Antonio” che viene anche effettuato bruciando gli alberi del Natale appena passato

E quest’anno Martedì 17 gennaio 2017 ci sarà un grande e nuovo “Cippo ‘e Sant’Antonio”, un cippo 2.0 che si terrà sulla spiaggia davanti a NAlbero e sarà un cippo particolare a cominciare dal materiale da bruciare che sarà tutto di origine vegetale. Un modo particolare di riscoprire la tradizione napoletana del “Cippo” con una grande festa aperta a tutti.

L’accensione e la festa del “Cippo” sul lungomare

Nella serata dei Martedì 17 gennaio 2017, a partire dalle 18,30, sulla spiaggia davanti a Nalbero ci saranno dei giocolieri di bolas, dei mangiafuoco, ed una band di musiche popolari che animeranno la festa. Il Cippo, che sarà composto da una colonna di materiale infiammabile di origine vegetale, verrà acceso in una maniera molto particolare.

Sarà infatti installata una teleferica lunga all’incirca 70 m, agganciata alla sommità di Nalbero , che scendendo verso sinistra terminerà sulla scogliera. Il momento culminante dell’accensione del “Cippo” avverrà grazie ad una danzatrice acrobata agganciata ad un cerchio provvisto di 4 torce di fuoco che compirà varie e evoluzioni ed acrobazie percorrendo la teleferica, dapprima ad una velocità elevata per poi rallentare nel mezzo. L’acrobata  terminerà la performance con l’accensione del cippo 2.0 posizionato sulla spiaggia che sarà installato nel punto in cui la teleferica termina.

Un modo originale e simpatico per rinnovare la tradizione napoletana del “Cippo” in tutta sicurezza con una grande festa tra acrobati e giocolieri.

Maggiori informazioni

scroll to top