Il Museo archeologico Etrusco apre a Napoli

Un-Museo-archeologico-Etrusco-apre-a-Napoli.jpg

Le sale dell’Istituto paritario Denza di Via Coroglio a Posillipo ospitano dal 18 febbraio il primo museo etrusco di Napoli. Le antichità etrusche esposte sono di proprietà dei Padri Barnabiti e provengono dalla collezione di Padre De Feis raccolte nella seconda metà dell’800: vengono esposti al pubblico dopo un lungo periodo di conservazione e con la volontà dei Padri Barnabiti di Napoli di far fruire alla città di questi preziosi beni.

Il museo, che è stato chiamato Museo Archeologico Etrusco “De Feis”, è stato allestito a cura dalla archeologa dottoressa Fiorenza Grasso, ed è visitabile dalla cittadinanza in via Coroglio, 9, presso l’Istituto Denza di Posillipo.

istituto denza napoli

L’esposizione contiene oltre ottocento reperti che appartengono al periodo collocabile tra l’età del bronzo e l’epoca imperiale, reperti che nel 2003 sono stati dichiarati di “eccezionale interesse archeologico e storico-artistico” dalla Sovrintendenza per i Beni e le Attività Culturali della Regione Toscana. I reperti furono raccolti dal padre barnabita Leopoldo De Feis tra il 1869 e il 1882 con la volontà di dotare il collegio fiorentino barnabita “Alla Querce” di un museo didattico dedicato a questa antica popolazione. Purtroppo per mancanza di fondi il collegio fu chiuso nel 2003 e la collezione fu conservata nei depositi della sede barnabita di Firenze. Nel 2014 con il trasferimento a Napoli del Padre provinciale dei Barnabiti si è iniziato a valorizzare questo enorme patrimonio per renderlo di nuovo disponibile a tutti.

La collezione esposta al Densa, e curata dalla Grasso, comprende circa 800 pezzi di cui 250 reperti provenienti dalla zona di Orvieto come coppe, brocche con pregiati mascheroni decorativi con cinghiali e cavalli alati nei tipici colori nero lucente. La raccolta è stata anche arricchita di 47 ulteriori pregiate ceramiche rosse  risalenti al quarto secolo avanti Cristo di origini campane e precisamente della zona di Montesarchio, importate presidio sannite di epoca preromana e provenienti dalla collezione D’Avalos.

Nel museo è presente anche un prezioso e tipico sarcofago etrusco di terracotta che rappresenta una donna. Le sale sono state anche attrezzate con appositi pannelli epslicativi ed il museo sarà visitabile su prenotazione (info 081 575 7533).

scroll to top