La pista ciclabile più grande del Mezzogiorno sarà inaugurata il 23 agosto

23 agosto. È questa la data fatidica, quella fissata dall’assessore alla mobilità Anna Donati come traguardo finale: il completamento della lunga pista ciclabile che unirà, snodandosi per 20 kilometri attraverso la città, Bagnoli a piazza Garibaldi. La più lunga del Mezzogiorno.

I lavori sono iniziati ormai da cinque mesi ed entro luglio verrà ultimato (e probabilmente inaugurato, almeno stando alle intenzioni dell’assessore e alle possibilità tecniche e contrattuali) il primo tratto, che si estende da Bagnoli fino alla Galleria Quattro Giornate. La pista di vernice arancione, che copre a volte il marciapiede a volte la carreggiata, è realizzata dagli operai dell’azienda Cebic di Rovigo, ed è larga quasi ovunque 2,5 metri, restringendosi alla metà dove occorre per motivi di spazio.

Non mancano, inevitabilmente, le polemiche. In particolare, i residenti e i commercianti di Viale Augusto lamentano la drastica riduzione di posti auto disponibili, conseguenza dell’apertura dei cantieri della pista ciclabile. Hanno quindi deciso di sottoporre all’assessore, al sindaco e al presidente della X municipalità una petizione in cui chiedono che il percorso venga deviato sulla parallela Viale Giulio Cesare, strada con un numero inferiore di esercizi commerciali.

Non si può nascondere, peraltro, che in alcuni punti la conformazione della strada lascia a desiderare e il ciclista si troverà di fronte in qualche caso delle “barriere architettoniche” che potrà oltrepassare solo scendendo dalla bici e portandola a mano.

Ma, sperando che le controversie possano trovare una soluzione in grado di accontentare tutti senza per questo compromettere il progetto nel suo insieme, la realizzazione della pista ciclabile in tempo per la Coppa Davis a settembre sarebbe un ulteriore piccolo grande passo e un segnale della volontà di Napoli di mettersi alla pari delle grandi città europee.