Garrone vince a Cannes col suo film “Reality”

Il cinema napoletano di qualità è premiato nuovamente a Cannes. “Reality”, il nuovo film di Garrone, vince il Gran Prix Speciale della Giuria al Festival del Cinema di Cannes. Matteo Garrone ci aveva lasciato quattro anni fa con un film che non poteva lasciare indifferenti. Gomorra ci coinvolse inevitabilmente, perché seppe tradurre nella maniera cruda e asciutta opportuna un libro che non può definirsi romanzo, ma tutt’al più cronaca, cronaca audace.

Oggi il regista napoletano torna con la denuncia. La critica spietata alla società contemporanea questa volta viene da una storia, quella di Luciano, un pescivendolo napoletano, che, perfettamente integrato nel ciarpame dei giorni nostri, si fa sedurre dallo showbiz e inizia una sfrenata ricerca del successo e della notorietà. Ma qual è la sua meta? E come compie il suo viaggio? La follia della sua esistenza lo porterà dritto dritto nelle ammalianti reti dei reality, del Grande Fratello, dello sfavillante mondo dell’apparire.

Il cast, neanche a dirsi, è tutto partenopeo: Aniello Arena, Loredana Simioli, Nando Paone, Nunzia Schiano e Rosaria D’Urso. Mille applausi allora per “Reality”, triste storia di una Napoli inquietante. Inquietante e amaramente vera almeno come quella di Gomorra.