Dolci natalizi napoletani da gustare assolutamente

dolci-natalizi-napoletani.jpg

Il Natale a Napoli! Lo aspettiamo per tutto l’anno, con la sua atmosfera calda, avvolgente, luci colorate, addobbi, regali, famiglia e diciamocelo, anche leccornie da leccarsi i baffi! E in questo la cucina napoletana non ha eguali! Abbiamo per voi una piccola selezione di perle dolciare della tradizione napoletana, tutte da gustare assolutamente:

I Susamielli (o Sapienze, una leggera variante), hanno una particolare forma ad S. In passato questi dolci avevano ben tre varianti: c’èrano i Sosamielli nobili, preparati con farina bianca e miele, che venivano offerti ad ospiti di riguardo; i sosamielli del buon cammino, riepieni di marmellata di amarene, offerti agli ospiti del clero e infine i sosamielli per gli zampognari, impastati con farina ed ingredienti di scarto, offerti alla servitù. Oggi sono preparati con farina, zucchero, miele, cubetti di zucca, cannella, chiodi di garofano.

I Mustacciuoli,hanno una caratteristica forma a rombo; sono ricoperti di una gustosa glassa di cioccolato. Anticamente, questi dolci venivano preparati con mosto, ingrediente dal quale prendono il loro nome.

I Divinamore dolcetti a base di pan di spagna ricoperto di glassa colorata rosa,devono il loro nome dalle religiose del convento del Divino Amore a Spaccanapoli che li preparavano. I loro gustosi ingredienti sono mandorle, zucchero, marmellata di albicocche, canditi misti, vaniglia, ghiaccia bianca.

Paste di Mandorle, morbidi dolcetti in diverse varianti,con i pinoli, con mandorle, con canditi, ai pistacchi, al cioccolato. Gli ingredienti? Mandorle, zucchero, miele,aromi naturali,e uova.

Per concludere come non ricordare gli Struffoli, uno dei dolci più caratteristici della cucina natalizia a Napoli. Ricoperti da miele e canditi sono sempre presenti su tutte le tavole in questi giorni di festa.

Le prelibatezze sono tante, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Almeno per natale, è d’obbligo chiudere un occhio alla dieta e lasciarsi un po’ andare! Che Natale sarebbe senza cotanta dolcezza?

[ad#Napoli-end]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top